Il partito di Meloni prevede un’Italia a maggioranza islamica

Vox
Condividi!

Se non si chiude all’immigrazione regolare islamica azzerando i flussi dei ricongiungimenti familiari e per lavoro, nei prossimi 30 anni la presenza islamica in Italia triplicherà. E’ quanto sostiene una ricerca della del partito di Meloni, FareFuturo, nel suo Rapporto sull’islamizzazione d’Europa del 2019. Al tempo veniva guardata come una minaccia, oggi no. Come passa il tempo!

VERIFICA LA NOTIZIA

A questi ritmi l’aumento potrebbe arrivare a +193% nel medio-lungo termine, in caso di prosecuzione della immigrazione massiva. Ovvero quella dei decreti flussi del governo Meloni con 500mila musulmani previsti in tre anni, sbarchi record e ricongiungimenti familiari.

A questo ritmo, i musulmani, nel 2100, rappresenteranno la metà della popolazione. Questo stando a FdI e Farefuturo.

Quindi sanno quello che fanno. Ma lo fanno lo stesso. Perché?

Il migrazionismo è finanziato oggi da qualcuno che vuole cambiare l’etnia europea per creare un’Eurafrica o un’Eurasia. Inoltre, accogliamo individui che sono già criminali prima di partire e che sfogano nel nostro Paese un’inclinazione mostruosa.

Vox

Come prima cosa bisognerebbe bloccare il flusso migratorio dal Nord Africa, poi bisognerebbe far rientrare tutti quelli che hanno le caratteristiche per poter tornare a casa propria. Questi sono i primi due passi verso il benessere pubblico.

L’articolo 276 del codice penale dice che coloro che ricevono soldi per fare attività che danneggiano la sovranità dello stato sono condannati con una pena carceraria. Il secondo libro del codice penale parla degli attentati alla personalità dello Stato. Bisogna applicare la legge nei confronti di chi attenta alla sovranità dello Stato.

È necessario combattere la criminalità organizzata, come la mafia nigeriana.

Si deve riportare al centro della vita pubblica dei cittadini la difesa della sicurezza. Bisogna ricreare un tessuto di sicurezza all’interno della Nazione.

Nelle scuole è necessario eliminare un’ideologia che è stata costruita giorno dopo giorno e che mina la nostra cultura, la nostra identità, la nostra tradizione nel nome di un globalismo indistinto che ha il sapore del satanico.




11 pensieri su “Il partito di Meloni prevede un’Italia a maggioranza islamica”

  1. Non vi è nulla di moralmente maturo nella deresponsabilizzazione italicida, affidandoci a un impero, supposto benevolo, che domini l’Europa, o perfino l’intero pianeta, che ci accudisca come se fossimo zuzzurelloni, che decreti al posto degl’Italiani e che c’inculchi, avendoci schiavizzati, quanto legifera.
    Tutt’al contrario, si tratta di ultra-regredire alla dipendenza infantile o alla beluinità più che preistorica.
    L’autentica maturità morale è raggiunta quando siamo autonomi, avendo imparato ad autogovernarci e ad autodifenderci.
    L’Italia avrà raggiunto l’autentica maturità morale unicamente quando vivrà Libera, quando progetterà e perseguirà autonomamente il proprio futuro, senz’aspirare a dominare nessuno straniero.
    Il più vigoroso e sublime degl’imperii è l’imperio su se medesimi.
    Noi Italiani dobbiamo con fervore ripudiare l’italofaga apolidia, l’italofago impero, l’italofaga schiavitù, l’italofago meticciamento, e dobbiamo scegliere con ardore lo Stato nazionale, prendendo gl’Israeliani e gli Svizzeri a modello di armoniosa concordia nazionale, affinché progrediamo verso il raggiungimento della maturità morale.

    1. Il ricordo di vite passate….
      ://youtu.be/7o_V-YL-CBA

      Sindrome degli antenati
      ://youtu.be/SFyVeMa1SS0

      La linea del destino – “sindrome degli antenati”
      ://youtu.be/8RKWgcN68Go

    2. The Top 5 Home Defense Shotguns
      ://youtu.be/gYwZ6GMqiH0
      Le cinque migliori armi per la difesa domestica

      Viva le Armi!
      Viva la Libertà!
      Viva il Santosacro Secondo Emendamento Americano!

    3. Cicerone ci ha traviati.
      Vergilio ci ha traviati.
      Ottaviano ci ha traviati.
      Plinio il Vecchio ci ha traviati.
      Orosio ci ha traviati.
      Rutilio Namaziano ci ha traviati.
      Dante Alighieri ci ha traviati.
      Francesco Petrarca ci ha traviati.
      Lorenzo Valla ci ha traviati.
      Enea Silvio Piccolomini ci ha traviati.
      Giuseppe Mazzini ci ha traviati.
      Francesco Crispi ci ha traviati.
      Alfredo Oriani ci ha traviati.
      Roberto Ricci ci ha traviati.
      Benito Mussolini ci ha traviati.
      Giovanni Papini ci ha traviati.
      Julius Evola ci ha traviati.

    4. La carboneria dei Redentisti sarà o la Redenteria, o l’Atlantide, o la Compagnia dell’Anello. Oppure ognuna di queste sublimissime virtù.

      Sarà sia la Redenteria, sia l’Atlantide, sia la Compagnia dell’Anello.

  2. Da 50:00
    ”una idea di infantilizzazione della popolazione. Sembra che ci sia una regressione infantile della popolazione, […] che è in antitesi collo stesso concetto di democrazia. In democrazia siamo tutti adulti, dobbiamo accettare tutti da adulti le paure e dobbiamo autogovernarci. Questo non è possibile se una società […] trasforma le persone in grandi bambinoni, sempre alla ricerca di genitori ideali che li guidano e li proteggono […] c’è un diffuso desiderio di essere bambini
    Luca Sammicheli, molto perspicace!
    ://www.byoblu.com/2024/01/30/1984-piano-di-fuga-il-pensiero-pandemicamente-corretto-e-la-censura-30-gennaio-2024/
    (che li guidino e li proteggano)

    Noi Redentisti dobbiamo profligare l’italicida ultra-infantilismo!

    Hanno ragione Mohamed Konaré e Daniele Trabucco, noi Italiani non abbiamo né una politica estera né una politica interna!
    Per colpa della deresponsabilizzazione di massa!
    Per colpa dell’infantilizzazione di massa!
    Per colpa dell’italicidità!
    Per colpa dell’ultracotanza italofaga!
    (da 49:30)
    ://www.byoblu.com/2024/02/04/piazza-liberta-di-armando-manocchia-17/

    Sono tutti uguali! nella loro italofaga mostruosità!

    ”Tutto però dipendeva dagli esiti della guerra. E la guerra andava sempre peggio. Man mano che tutto intorno a lui crollava, Mussolini cominciò a elaborare, a mo’ di messaggio ideologico testamentario, la visione di un’Europa unita e socialista. Al medico tedesco che lo seguiva, Georg Zachariae, disse: «Noi siamo nell’epoca della politica dei grandi spazi. Perciò anche in Europa dovrebbe attuarsi una più stretta collaborazione dei popoli europei, maestri di civiltà e di cultura. Per poter realizzare l’unione europea si dovrebbe avere prima di tutto una moneta unica». E all’Europa furono dedicati i suoi ultimi pensieri resi pubblici. Nel marzo del 1945, a Maddalena Mollier, profetizzò: «Vedo la salvezza dell’Europa soltanto in un’unione socialista di tutti gli Stati europei».”
    Adriano Scianca, ”Mussolini il Rivoluzionario”, allegato a ”Il Primato Nazionale” del gennaio 2022, pagina 71.
    ://edicola.ilprimatonazionale.it/prodotto/mussolini/

    Queste sono le conclusioni a cui giunse alla fine della catastrofe! Che mostro di pazzia!
    Gli apolidisti si contorcono in orgiastiche convulsioni di pazzia! Di orgiastica pazzia italicida!

    1. I fascisti, gl’imperialisti tradizionali, gli apolidisti tradizionali erano e sono incendiati da una truculentissima pazzia! da un tragicissimo infantilismo! da un’abissalissima ultracotanza!

      Disarmisti e guerrafondai!

      Galeazzo Ciano scrisse che la Savoia non era un obiettivo perché fuori dalla cerchia alpina.
      Tuttavia era favorevole alla conquista dell’Etiopia e dell’Albania. L’Etiopia e l’Albania non sono anche loro fuori dalla cerchia alpina??

      ”Quando l’Italia tentò di essere grande” leggesi su ”Il Primato Nazionale” del giugno 2020.
      In verità, l’Italia ignorava e continua ad ignorare quale sia l’autentica grandezza.

      Noi italiani erriamo nel tenebroso labirinto dell’apolidia! nel labirintico abisso dell’italicidità! nel funebre labirinto dell’ultracotanza italofaga! nel labirintico carcere della cecità apolidista!
      Noi italiani siamo intrappolati nell’infernale labirinto dell’italofaga apolidia!
      L’errabondaggio degl’Italiani deve definitivamente finire!

      ”Quarant’anni di ricerche e di indagini storiche mi hanno convinto che l’uomo non impara un accidente di nulla né dalla sua esperienza né da quella, collettiva o individuale, dei suoi simili e continua a ripetere con monotonica pervicacia gli stessi errori e gli stessi misfatti”
      Carlo Cipolla

      Noi Italiani dobbiamo progredire moralmente, dobbiamo maturare moralmente.

      ”Crediamo grandi questi imperi perché noi siamo piccoli: molte cose sono grandi non per la loro natura, ma per la nostra piccolezza. Che cos’è importante nella vita dell’uomo? Non l’avere riempito i mari colle proprie flotte, né l’aver piantato le proprie insegne sulle rive del Mar Rosso, né, mancando la terra per nuove offese, l’aver vagato per l’oceano alla ricerca dell’ignoto, ma l’aver visto coll’anima ogni cosa, e vittoria più grande di tutte, l’aver domato i vizi: sono innumerevoli coloro che hanno avuto in loro dominio popoli e città, pochissimi coloro che hanno avuto il dominio su loro stessi.”
      Lucio Anneo Seneca, Questioni naturali, III, prefazione, 10.

      Noi Redentisti dobbiamo scalpellar via l’orgoglio in sovrappiù! l’ultracotanza dobbiamo scalpellar via!

      Chi è più errante? gl’Israeliti erranti? o gli apolidisti nostrani?

      Dr Maurizio Misrai – Gl’Israeliti erranti (Mass’ei)
      ://youtu.be/6zmyKOqmWU8

      I nostri antenati, Padri Coscritti, non mancavano certo né di saggezza né di audacia; la tracotanza non proibiva loro di adottare le istituzioni di altri popoli, se erano valide: dai Sanniti hanno preso quasi tutte le armi dell’esercito, dagli Etruschi le insegne dei magistrati; infine, qualsiasi cosa sia parsa utile, presso alleati o nemici, l’hanno applicata in Patria col massimo zelo. Preferivano imitare i virtuosi, anziché invidiarli.”
      Gaio Sallustio Crispo, ”La Congiura di Catilina”, orazione di Giulio Cesare, LI, 37-8.

      Noi Italiani, imitando la saggezza dei nostri antenati, dobbiamo prendere Israele o la Svizzera a modello di armoniosa concordia nazionale.

      Anche il celeberrimo umanista Enea Silvio Piccolomini aveva la mente obnubilata, ottenebrata, annebbiata:

      E che è la nostra Italia senza il presule romano? Abbiamo perduto l’impero, ci resta la sede apostolica, e con questo solo lume vediamo la luce […] O il papa francese se ne andrà in Francia, e la nostra dolce patria sarà orbata del suo splendore; o resterà tra noi, e l’Italia, regina delle genti, servirà un padrone straniero e noi saremo schiavi della gente francese. Il regno di Sicilia finirà in mani francesi; e i francesi s’impadroniranno di tutte le città, di tutte le rocche della Chiesa. Avrebbe dovuto esserti d’esempio Callisto, durante il regno del quale, non ci fu luogo che non fosse occupato dai Catalani. Ora che hai provato i catalani, desideri provare anche i francesi?
      Enea Silvio Piccolomini, ”I Commentari delle cose memorabili accadute ai suoi tempi”, a cura di L. Totaro, Adelphi, pagine 197-201.

      Il declino e la caduta dell’impero romano, ossia il declino e la caduta del funebre carcere d’Italia, le invasioni barbariche antiche non ci corressero! non ci redensero!
      A tutt’oggi, ciechissimi come non mai, non riusciamo a capire l’orrido errore primordiale.

      Alfredo Oriani – Una terza Italia
      ://youtu.be/eO1Ie_ydSFs

      L’orgiastica pazzia dell’italicida apolidismo ci sta facendo precipitare nell’abisso il più infernale!!

      Noi Italiani dobbiamo imitare l’armoniosa concordia e la maturità morale degli antichi veneziani:

      Non vi è discordia tra gli amministratori degli affari pubblici, non vi è nessun dissenso, nessun litigio tra i cittadini
      Poggio Bracciolini, ”In laudem rei publicae Venetorum”

      Ricca di oro, ma più ricca di onori, potente in forza, ma più potente in virtù, fondata sopra solidi marmi, ma stabile per il perfino più solido fondamento della concordia civile, cinta da flutti salati, ma sicura per l’oculatezza dei figli
      Francesco Petrarca, Seniles IV, 3

      Dr Maurizio Misrai – Come equilibrare diritti individuali e diritti comunitari (Mass’ei)
      ://youtu.be/tQ4VG2PYbdY

      Redentisti!
      I Garibaldini erano Mille!

      Mi viene in mente, per esempio, che un ateniese combattivo, che si chiamava Trasibùlo, con settanta uomini, settanta di numero, mise in crisi, creando un movimento partigiano nell’Attica, la tirannide dei trenta tiranni, protetti dall’esercito spartano.
      Quindi una minoranza consapevole è capace di fare Storia nel senso più alto
      . […] le minoranze attive e consapevoli fanno la Storia!
      Luciano Canfora

      Costituzione, il dialogo tra Corrado Augias e Luciano Canfora
      ://youtu.be/bas0EHXaT_4

      ://lanuovabq.it/it/la-virtu-del-nazionalismo-perche-limpero-e-peggio

      ://loccidentale.it/ecco-perche-il-nazionalismo-puo-essere-una-virtu-intervista-a-yoram-hazony/

      ://www.ilprimatonazionale.it/approfondimenti/risveglio-italiano-leggere-virgilio-ritrovare-noi-stessi-74160/

      DIVAMPI LA SPERANZA!
      ://youtu.be/3ml-TRK-lwE

      VIVA LA REDENZIONE D’ITALIA!
      VIVA L’ITALIA REDENTA!
      VIVA L’ITALIA ETERNA!

    2. ://patriaesovranit.forumfree.it/?t=80006004#entry670297622

      Alberto Pirelli, Alberto De Stefani, Francesco Orestano, Augusto De Marsanich, Camillo Pellizzi, Julius Evola erano zuzzurelloni, avevano la mente infernalmente obnubilata, annebbiata, ottenebrata!

I commenti sono chiusi.