Gli ultimi giorni dell’Europa: la sostituzione etnica sotto i nostri occhi

Vox
Condividi!

L’Europa sta vivendo l’era della “sostituzione etnica”, un fenomeno in cui le popolazioni indigene vengono gradualmente rimpiazzate da gruppi di immigrati. Non è una opinione, è un evento evidente e sotto gli occhi di tutti. In città come Londra e Parigi fino ad un secolo fa era quasi impossibile trovare un non europeo, oggi è impossibile trovare un europeo in interi quartieri. Le città sono passate da essere le capitali omogenee di due paesi omogenei, a città a maggioranza afroislamica di stati multirazziali che presto ne seguiranno il destino.

Questa evidenza è spesso associata al cosiddetto “Piano Kalergi”, un presunto complotto per incentivare l’immigrazione africana e asiatica in Europa. Non è necessario credere che ci sia un complotto per credere alla sostituzione etnica in corso: basta leggere una statistica.

E’ chiaro: l’identità culturale e etnica dell’Europa è sotto assedio, e l’unico modo per preservarla è azzerare l’immigrazione extraeuropea, attuare un massiccio piano di remigrazione e promuovere politiche di natalità limitate alle popolazioni indigene.

L’immigrazione di massa e l’impossibile integrazione culturale tra popolazioni troppo differenti stanno portandoci verso il caos. Tutto questo per un cambiamento demografico senza precedenti.

E’ chiaro che questo porterà alla perdita delle identità nazionali e alla frammentazione sociale.

Che il Piano Kalergi esista o meno, la reltà dei fatti ci dice che l’immigrazione rappresenta un attacco deliberato all’identità europea.

Vox

Ecco la traduzione in italiano del tuo testo:

Un demografo, che non ha voluto essere nominato per paura di essere chiamato razzista, ha detto: “È una questione di pura aritmetica che, se non succede altro, i non europei diventeranno la maggioranza e i bianchi una minoranza nel Regno Unito. Questa sarebbe probabilmente la prima volta che una popolazione indigena diventa volontariamente una minoranza nella sua patria storica.”

Lee Jasper, consulente per le relazioni razziali dell’allora sindaco di Londra ad inizio secolo, Ken Livingstone, previde un futuro simile, dicendo all’Observer: “Dove va l’America, l’Europa segue 30 anni dopo. C’è la possibilità che i bianchi diventino una minoranza in alcuni paesi europei.”

In Gran Bretagna, questo è già accaduto a Londra come lui aveva previsto: “Al momento le minoranze etniche sono circa il 40 per cento a Londra. Le statistiche demografiche mostrano che i bianchi a Londra diventeranno una minoranza entro il 2010”. E’ accaduto. “Potremmo avere una Gran Bretagna a maggioranza nera entro la fine del secolo.”

Di questo passo accadrà molto prima. Le popolazioni indigene dell’Europa, dopo 40mia anni, ovvero tutta la storia dell’uomo moderno, potrebbero diventare minoranza nella propria terra.

L’Italia ha ancora la possibilità di salvarsi. Ma servono scelte radicali.




14 pensieri su “Gli ultimi giorni dell’Europa: la sostituzione etnica sotto i nostri occhi”

    1. Esiste il piano Scalfari, ossia il piano ultrameticcionista-ultraapolidista-ultraregressista-ultrainfernalista, orgiasticamente italofago, orgiasticamente italicida.

  1. Non so se il piano kalergi esista nella forma più complottistica, di una losca cabala che opera nell’oscurità, zittisce le opposizioni, ed impone scelte a governi e parlamenti.
    Quello che so è l’evidenza, è la matematica, e ciò che vedo con i miei stessi occhi.
    Non vogliono il cambiamento climatico, ma desiderano, ardentemente, il ‘cambiamento’ demografico.
    Fino ad un po’ di tempo fa dicevano che era impossibile, che non sarebbe stato per un “po’” di immigrati che si sarebbe persa l’identità nazionale.
    Oggi, di fronte all’evidenza ormai innegabile, preferiscono dire che bisogna ‘cambiare’, quando mettono africani a rifare film del passato, parlano di ‘aggiornamento’, di ‘rinfrescata’.
    Il futuro è nero, ma non sono nemmeno tanto i neri a crederci, non hanno le capacità intellettuali, sono i bianchi traditori, a lavorare per loro.

    1. Woke Politician Gets The Second Amendment Explained To Him!
      ://www.youtube.com/shorts/mdjelrkkf7o
      A un politico ultraregressista viene spiegato il Secondo Emendamento

    2. Gli americani adorano le nostre armi.

      Italy’s Service Rifle, ARX-160 / a very bizzare rifle, but still Italian perfection 🇮🇹
      ://youtu.be/GrCyV-YmQ54
      Il fucile d’ordinanza d’Italia, ARX-160 – un fucile molto bizzarro, ma è sempre la perfezione Italiana

      The Beretta 1301 Tactical Shotgun. The Italian Stallion is here.
      ://youtu.be/sDIUgeOzCDM
      Il fucile tattico Beretta 1301. Lo Stallone Italiano è qua

      The Benelli M4 / M1014: The Marine Corps Combat Shotgun
      ://youtu.be/INoJlULbXik
      Il Benelli M4 / M1014: il fucile da combattimento del Corpo dei Marine

    3. The War – Il Pianeta delle Scimmie | Trailer Ufficiale HD | 20th Century Fox 2017
      ://youtu.be/wM0VIxpneZc
      La Guerra – Il Pianeta delle Scimmie | Annuncio Ufficiale HD | 20th Century Fox 2017

      Potevano tradurlo. Che cosa costava?

    4. I bianchi traditori, hai detto bene, quei brutti pezzi di merda infami figli di puttana collusi ritardati mongoloidi.

    5. Non vi è nulla di moralmente maturo nella deresponsabilizzazione italicida, nell’affidarsi a un impero, supposto benevolo, che domini l’Europa, o perfino l’intero pianeta, che ci accudisca come se fossimo zuzzurelloni, che decreti al posto degl’Italiani e che c’inculchi, avendoci schiavizzati, quanto legifera.
      Tutt’al contrario, si tratta di ultra-regredire alla dipendenza infantile o alla beluinità più che preistorica.
      L’autentica maturità morale è raggiunta quando siamo autonomi, avendo imparato ad autogovernarci e ad autodifenderci.
      L’Italia avrà raggiunto l’autentica maturità morale unicamente quando vivrà Libera, quando progetterà e perseguirà autonomamente il proprio futuro, senz’aspirare a dominare nessuno straniero.
      Il più vigoroso e sublime degl’imperii è l’imperio su se medesimi.
      Noi Italiani dobbiamo con fervore ripudiare l’italicida apolidia, l’italicida impero, l’italicida schiavitù, l’italicida meticciamento, e dobbiamo scegliere con ardore lo Stato nazionale, prendendo gl’Israeliani e gli Svizzeri a modello di armoniosa concordia nazionale, affinché progrediamo verso il raggiungimento della maturità morale.

    6. Il ricordo di vite passate….
      ://youtu.be/7o_V-YL-CBA

      Sindrome degli antenati
      ://youtu.be/SFyVeMa1SS0

      La linea del destino – “sindrome degli antenati”
      ://youtu.be/8RKWgcN68Go

    7. In un articolo apparso su ”La Verità”, a fine gennaio del 2018 o del 2019, in un rettangolo blu, in fondo alla pagina, un ambasciatore italiano scrisse che (a una conferenza sulla Scioà?) un rabbino difese l’Italia, decolpevolizzandoci, negano nostre responsabilità dirette.
      I posteri controllino!
      Io purtroppo non ce l’ho più.

I commenti sono chiusi.