Boom di minori stranieri nelle carceri italiani: esercito di criminali

Vox
Condividi!

E’ urgente abrogare i ricongiungimenti familiari. Stiamo importando un esercito di criminali presenti e futuri.

I ragazzi – minori e giovani adulti – detenuti nei 17 istituti penali per minorenni del nostro Paese sono 496. Le donne sono 13, il 2,6% dei presenti, gli stranieri 254 (51,2%), dunque più della metà. L’istituto con più presenze è il Beccaria di Milano, con 69 ragazzi, quelli con meno sono Quartucciu in Sardegna, con 8 ragazzi presenti, e Pontremoli in Toscana, unico Ipm interamente femminile d’Italia, con 8 ragazze. Le altre 5 ragazze presenti sono distribuite tra Napoli e Roma. È quanto emerge dal settimo rapporto di Antigone dedicato alla giustizia minorile, presentato oggi a Roma, con dati aggiornati al 15 gennaio scorso.

Per il secondo anno di fila – evidenzia il dossier – crescono le presenze medie giornaliere.

Con la crescita registrata nel corso del 2023 (425 presenti in media, 53 in più) si superano i numeri degli anni passati e si arriva a gennaio 2024 a sfiorare le 500 presenze.

La notizia è confermata da un articolo di AGI¹. Secondo il rapporto, i ragazzi detenuti nei 17 istituti penali per minorenni del nostro Paese sono 496. Le donne sono 13, il 2,6% dei presenti, gli stranieri 254 (51,2%), dunque più della metà. Per quanto riguarda gli stranieri negli istituti penali minorili, questi rappresentano il 51,2% dei presenti: i ragazzi sono prevalentemente originari della Tunisia (12,3%), del Marocco (10,6%) e dell’Egitto (10,4%). Le ragazze invece vengono soprattutto dalla Bosnia-Erzegovina (23,3%), dalla Serbia (10%) e dalla Croazia (8,3%). Gli stranieri sono mediamente più giovani degli italiani, minorenni per il 64,2% contro il 50,8% degli italiani¹.

Vox

“Il cosiddetto Decreto Caivano ha introdotto una serie di misure che stanno avendo e continueranno ad avere effetti distruttivi sul sistema della giustizia minorile, sia in termini di aumento del ricorso alla detenzione che di qualità dei percorsi di recupero per il giovane autore di delitto”.

Lo sottolinea l’associazione Antigone nel suo settimo Rapporto sulla giustizia minorile e rileva che con il decreto Caivano sono stati fatti dei “passi indietro” e che nei primi mesi del 2024 sono già 500 i minori detenuti, un numero drammaticamente ‘record’ nell’ultimo decennio.

“L’estensione delle possibilità di applicazione dell’accompagnamento a seguito di flagranza e della custodia cautelare in carcere stravolge l’impianto del codice di procedura penale minorile del 1988 e sta già determinando un’impennata degli ingressi negli Istituti penali minorili (Ipm)”, segnala il Rapporto.

Fandonie. E’ giusto arrestare i criminali. Anzi, la minore età andrebbe abbassata e questo per colpa dell’immigrazione. Le società con immigrati diventano più violente e l’età criminale si abbassa notevolmente.

(1) Mai stati così tanti minori nelle carceri italiane. https://www.agi.it/cronaca/news/2024-02-20/giustizia-record-detenuti-minori-25373474/.
(2) Sempre più minori in carcere. Uno su due per reati legati al patrimonio. https://altreconomia.it/sempre-piu-minori-in-carcere-uno-su-due-per-reati-legati-al-patrimonio/.
(3) Criminalità, report della polizia: aumentano i reati tra i minori, in …. https://www.secoloditalia.it/2023/11/criminalita-report-della-polizia-aumentano-i-reati-tra-i-minori-in-carcere-oltre-la-meta-sono-stranieri/.
(4) Quarto Rapporto di Antigone sugli Istituti penali per minorenni. https://www.minori.gov.it/it/notizia/quarto-rapporto-di-antigone-sugli-istituti-penali-minorenni.