Fazio ospita l’islamico Ghali che predica invasione: “Stop ai respingimenti”

Vox
Condividi!

# Fazio, Ghali e la controversia: un’analisi critica

Il noto comico televisivo Fazio ha ospitato il rapper islamico Ghali nel suo show. Questa decisione ha scatenato un’ondata di polemiche a causa delle dichiarazioni di Ghali, che sono state interpretate come anti-italiane.

Vox

Ghali, durante la trasmissione, ha espresso posizioni fortemente critiche nei confronti delle politiche di Italia e Israele, chiedendo uno “stop alle guerre”. Inoltre, ha sollevato la questione dei respingimenti dei clandestini, esprimendo la sua contrarietà a quelli che sostengono l’idea di “aiutiamoli a casa loro”.

E’ importante ricordare che la libertà di espressione è un diritto fondamentale, ma Ghali dovrebbe esprimere questo diritto a casa propria: in Tunisia. Non ci interessa cosa dica il suo documento. Non siamo qui a farci dire cosa fare a casa nostra, da un arabo islamico che, tra l’altro, non sa cantare.




3 pensieri su “Fazio ospita l’islamico Ghali che predica invasione: “Stop ai respingimenti””

  1. Se già “stop ai respingimenti” lo dicono numerosi italiani da generazioni e di razza bianca, figurati se non lo dice un allogeno nato e cresciuto in Italia.

      1. Purtroppo sì. Lui, il tunisino nato e cresciuto a Milano, come tutti i figli degli immigrati, in particolare quelli arabo-islamici e ne(g)ri subsahariani, sono immigrazionisti perché sono razzisti verso di noi. Quello che le teste di minchia nostrane col cervello plasmato dal cosmopolitismo non sono in grado di comprendere. Bada bene, che il razzismo non è di chi si oppone all’invasione allogena del proprio territorio, come ci fanno credere i mass-me(r)dia. Quello si chiama patriottismo e identitarismo. Razzista è colui che invade il territorio altrui, non si integra (se non quando gli fa comodo) e non si assimila, e contribuisce a distruggere con la sua presenza il tessuttivo connettivo di quel territorio, trasformandolo a sua immagine e somiglianza. Questo è veramente criminale.

I commenti sono chiusi.