Islamici bruciano un altro centro rimpatri: è guerra

Vox
Condividi!

# Proteste Violente al Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Gradisca

VERIFICA LA NOTIZIA

Un clandestino è rimasto gravemente ferito durante una protesta violenta al Centro di Permanenza per il Rimpatrio (CPR) di Gradisca, Gorizia. Questo incidente segna l’ennesima guerriglia in un CPR, suggerendo una possibile organizzazione quasi terroristica di queste proteste.

## Dettagli dell’Incidente

La protesta ha visto l’incendio di materassi nelle camerate della “zona verde”. In seguito, alcuni residenti del centro sono entrati nella “zona rossa”, raggiungendo il tetto del CPR. Si stima che una decina di loro siano saliti sul tetto, ma uno di loro è precipitato, cadendo da un’altezza di circa sei metri.

Vox

## Soccorso e Stato di Salute

Il delinquente, purtroppo, è stato prontamente soccorso dai sanitari della centrale operativa di Palmanova. Dopo aver ricevuto le prime cure sul posto, è stato trasportato all’ospedale del capoluogo giuliano. Le sue condizioni sono gravi, con fratture in diverse parti del corpo.

Le forze dell’ordine sono intervenute per riportare la calma tra gli ospiti del centro. La gestione della situazione è stata particolarmente difficile, come riportato dai media locali.

E’ una guerra. I rimpatri vanno militarizzati e moltiplicati. La feccia afroislamica che stupra e incendia deve essere sbattuta fuori dall’Italia.




4 pensieri su “Islamici bruciano un altro centro rimpatri: è guerra”

      1. sei sicuro che siano filo sinistri?

        guarda che la Meloni ha moltiplicato per 4 il traffico di nazi-islamici, quindi e piu probabile che siano scagnozzi mafiosi di destra.

  1. CET ANCIEN OFFICIER DE L’ARMÉE DE L’AIR BALANCE TOUT
    ://youtu.be/K9t2Q–bVrI
    Questo ex-ufficiale dell’aeronautica vuota il sacco

    L’Armée favorise les racailles de cité
    L’Aeronautica favorisce la feccia delle periferie

I commenti sono chiusi.