ONG prende il carico e saluta gli scafisti, poi dirige in Italia

Vox
Condividi!

Vox

# La Collaborazione tra Scafisti e ONG

Ennesima la collaborazione tra scafisti e organizzazioni non governative (ONG). Cinque persone hanno rifiutato di essere ‘soccorse’ e sono rimaste sulle barche in vetroresina. Questi individui, che hanno condotto congiuntamente tre imbarcazioni proprio nella zona pattugliata dalla nave GeoBarents di Medici Senza Frontiere (MSF), sono stati evidentemente gli “scafisti” d’accordo con l’ong.

Un altro punto di discussione riguarda la questione se le ONG abbiano fornito o meno le immagini degli scafisti alle autorità italiane o stiano coprendo i propri alleati e colleghi. Le ONG hanno il dovere di cooperare con le autorità legali.

In conclusione, la collaborazione tra scafisti e ONG è una questione ormai sotto gli occhi di tutti. Ovviamente i clandestini verranno portati in Italia grazie al blocco navale immaginario di Meloni.