Africano entra in una casa e non vuole andarsene: “Ora è mia”

Vox
Condividi!

Nella notte di domenica 14 gennaio, un cittadino di Villafranca in Lunigiana ha segnalato la presenza di uno straniero all’interno della propria abitazione. Questo incidente mette in luce la crescente preoccupazione per la mancanza di protezione della proprietà privata e la mancanza di presidio delle frontiere da parte dello Stato.

## L’incidente

La pattuglia dell’aliquota radiomobile di Pontremoli è intervenuta immediatamente, individuando lo straniero in evidente stato di alterazione psico-fisica da assunzione di alcolici. Alla richiesta dei militari di esibire un documento di identità, lo straniero ha iniziato a minacciare i militari e poi a colpirli con calci e pugni. Dopo una breve ma violenta colluttazione, i militari sono riusciti a immobilizzarlo.

L’uomo, un marocchino di 35 anni con diversi precedenti penali e residente in alta Lunigiana, è stato arrestato con l’accusa di “minaccia, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale”. Due carabinieri sono stati medicati al pronto soccorso di Pontremoli e subito dimessi con una prognosi di 5 e 10 giorni.

## Le conseguenze

Vox

L’arrestato è stato trasferito in regime di arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo. Durante l’udienza, il giudice ha convalidato l’arresto e disposto la custodia in carcere, in attesa del giudizio.

## La questione della sicurezza

Questo incidente solleva importanti questioni sulla sicurezza dei cittadini e sulla protezione della proprietà privata. Nonostante gli sforzi delle forze dell’ordine, la presenza di uno straniero all’interno di una proprietà privata senza il consenso del proprietario evidenzia una mancanza di controllo efficace delle frontiere e una mancanza di protezione adeguata della proprietà privata.

Inoltre, l’aggressione subita dai militari sottolinea i rischi che le forze dell’ordine devono affrontare quotidianamente nel tentativo di mantenere l’ordine e la sicurezza. Questi incidenti evidenziano la necessità di rafforzare le misure di sicurezza e di garantire una maggiore protezione per i cittadini e le loro proprietà.

Marocchino entra in una casa e non vuole andarsene, poi minaccia, aggredisce e picchia i carabinieri: arrestato