Allarme invasione: in Italia record di maschi islamici sbarcati nel 2023

Vox
Condividi!

# Allarme Immigrazione: Il Record del 2023 e il Mancato Blocco Navale

VERIFICA LA NOTIZIA

Il 2023 ha segnato un record preoccupante: circa 380.000 attraversamenti irregolari sono stati rilevati alle frontiere esterne dell’Unione Europea, con un aumento del 17% rispetto al 2022.

Questo trend ascendente, osservato negli ultimi tre anni, è dovuto alla rotta del Mediterraneo Centrale (Italia), che ha registrato 157.479 sbarchi, pari al 41% del totale.

Questi dati, riferiti da Frontex, evidenziano un problema crescente di immigrazione incontrollata. La maggior parte degli immigrati che arrivano in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo Centrale sono cittadini guineani, tunisini e ivoriani, mentre da quella dei Balcani, che interessa il Nordest italiano, arrivano per lo più cittadini siriani, turchi e afghani.

Vox

Un’invasione afroislamica. Di maschi afroislamici: il 90% di chi è arrivato.

Questo flusso incontrollato di immigrati rappresenta un pericolo sia a livello di sicurezza che economico. Nonostante le promesse di un blocco navale da parte di Meloni, il problema persiste e si aggrava.

La questione dell’immigrazione incontrollata richiede un’azione immediata e decisa. È necessario un controllo più rigoroso delle frontiere e una politica di immigrazione più efficace per garantire la sicurezza dei cittadini e la stabilità economica del paese.

Il mancato blocco navale promesso rappresenta un fallimento nel controllo dell’immigrazione. È tempo di affrontare seriamente questa questione, per il bene del nostro paese e dei suoi cittadini. Il pericolo è reale e non può essere ignorato.