Banca Clandestina Cinese ruba soldi a italiani grazie a immigrati

Vox
Condividi!

# La Banca Clandestina Cinese è ramificata in tutta Italia

La “China underground bank” è un fenomeno che ha attirato l’attenzione degli investigatori della Guardia di Finanza¹. Questa banca segreta, con filiali anche a Roma, Firenze, Padova, Prato, Napoli e Reggio Calabria, muove miliardi di euro verso la Cina offrendo servizi speciali per clienti speciali¹.

## Operazioni e Clienti

Vox

La banca clandestina cinese non si occupa solo di singole operazioni sospette o di piccole transazioni di cinesi che inviano soldi in Madrepatria. Si tratta di un sistema organizzato e complesso, capace di riciclare somme miliardarie senza lasciare traccia. Questo istituto di credito riesce a far arrivare un fiume di denaro nei conti correnti delle grandi banche di Stato cinesi.

La presenza di questa banca clandestina ha sollevato preoccupazioni significative. Ad esempio, poco prima del lockdown, per Roma girava un avvocato che cercava di acquisire, per conto di aziende direttamente riconducibili a Pechino, i pacchetti di maggioranza di aziende strategiche¹. Questo avveniva attraverso società vettore che servivano unicamente a schermare la vendita in modo da non permettere poi alle autorità italiane di risalire ai reali compratori¹.

Tuttavia, l’Italia ha risposto. Con la Procura, la Polizia giudiziaria e infine con la politica, il governo Draghi ha rafforzato la normativa Golden power¹.

In conclusione, la “China underground bank” rappresenta una sfida significativa per le autorità italiane. Tuttavia, con l’attenzione e l’azione appropriate, l’Italia sta rispondendo a questa minaccia.




Un pensiero su “Banca Clandestina Cinese ruba soldi a italiani grazie a immigrati”

I commenti sono chiusi.