Boeing pensa all’inclusione e i suoi aerei perdono pezzi: la diversità è debolezza

Vox
Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Lo prevediamo da anni: presto le infrastrutture tecnologiche occidentali collasseranno sotto il peso dei famigerati programmi di inclusione. Ormai le multinazionali, la cui classe dirigente uscita dalle università americane è infetta con l’ideologia woke, pensano più a diversificare il proprio corpo di lavoratori piuttosto che a selezionarlo su base meritocratica: l’effetto è un tracollo delle capacità e le conseguenze saranno devastanti.

Una delle società più impegnate in questa campagna di inclusione e diversificazione razziale della propria forza lavoro è la Boeing. E iniziano a scoppiare le fusoliere.

Prima Boeing era una società ‘razzista’ e ha conquistato i cieli. Ora è stata promossa come una delle società più inclusive e i suoi aerei iniziano a perdere pezzi. Non è un caso.

E questo vale per tutta la società occidentale: iniziamo a perdere i pezzi. Perché non è lo stesso avere una popolazione con un QI medio di 105 rispetto ad avere una componente sempre crescente con un QI medio di 65.

Esplode finestrino su volo Alaska Airlines, la compagnia: “Fermiamo tutti i Boeing 737”.

Parte della fusoliera e un finestrino sono ‘esplosi’ sul volo 1282, atterraggio di emergenza a Portland: tutti salvi gli oltre 170 passeggeri e il personale di bordo.

La Alaska Airlines ha annunciato di avere messo a terra tutti i suoi 65 Boeing 737-9 dopo che uno dei suoi aerei ha compiuto un atterraggio di emergenza a Portland, nell’Oregon, per via dell’incidente in cui parte della fusoliera e un finestrino sono ‘esplosi’ sul volo 1282. Di qui spiega lin una nota il CEO di Alaska Airlines, Ben Minicucci, “la decisione di prendere la misura precauzionale di mettere temporaneamente a terra la nostra flotta di Boeing 737-9”, ha dichiarato in una nota il CEO di Alaska Airlines, Ben Minicucci. Lo stesso costruttore ha comunicato che “un team tecnico della Boeing è pronto a supportare le indagini”.

Il 737 MAX-9 con più di 170 passeggeri e sei membri dell’equipaggio, è comunque riuscito ad atterrare a Portland nonostante la decompressione “esplosiva”. Le foto e i video pubblicati dai passeggeri sui social media mostrano lo squarcio che si è verificato nell’aereo.

In Italia stop Boeing 737 Max dalle 21

Ente volo Usa lancia allarme per nuovo Boeing 787: «Rischio disastri»