MSF come Hamas attacca Israele e traghetta islamici in Italia

Vox
Condividi!

Si susseguono le reazioni al veto posto dagli Stati Uniti al testo della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per un immediato cessate il fuoco nella Striscia di Gaza.

VERIFICA LA NOTIZIA

Hamas ha condannato con fermezza il veto degli Stati Uniti che ha bloccato la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per un cessate il fuoco umanitario immediato a Gaza. L’organizzazione dei miliziani islamici palestinesi ha dichiarato in una nota di Izzat al-Risheq – membro dell’ufficio politico – considera la mossa di Washington “non etica e disumana”. “L’ostruzione degli Stati Uniti all’approvazione di una risoluzione per il cessate il fuoco è una partecipazione diretta con l’occupazione all’uccisione del nostro popolo e nel commettere ulteriori massacri e pulizia etnica”, ha affermato al-Risheq.

Medici Senza Frontiere, che traghettano migliaia di islamici in Italia – e anche terroristi – con le loro navi negriere, si schierano con Hamas nella protesta contro Israele.

Durissima la reazione di Avril Benoit, direttore generale di Medici Senza Frontiere (Msf) negli Stati Uniti: “Mentre le bombe continuano a cadere sui civili palestinesi e a causare una distruzione diffusa, gli Stati Uniti hanno usato ancora una volta il loro potere per bloccare il tentativo del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di chiedere un cessate il fuoco a Gaza. Ponendo il veto a questa risoluzione, gli Stati Uniti sono gli unici a votare contro l’umanità, diventando inoltre complici della carneficina a Gaza”.

Vox

“Il veto degli Stati Uniti è in netto contrasto con i valori che professano di sostenere. Continuando a fornire copertura diplomatica alle atrocità in corso a Gaza, gli Stati Uniti lanciano due segnali chiari: il diritto umanitario internazionale può essere applicato in modo selettivo e le vite di alcune persone contano meno di altre”, ha aggiunto Benoit.

“Israele sta continuando ad attaccare indiscriminatamente persone e strutture civili e a imporre un assedio che equivale a una punizione collettiva per l’intera popolazione di Gaza, costretta a sfollamenti di massa. Israele nega inoltre l’accesso a cure mediche e assistenza umanitaria, oggi più che mai vitali a Gaza. Gli Stati Uniti continuano a fornire sostegno politico e finanziario a Israele che porta avanti le sue operazioni militari senza curarsi del terribile costo per i civili. Affinché gli operatori umanitari siano in grado di rispondere agli immensi bisogni, Msf chiede un cessate il fuoco adesso”, ha concluso.

Vox si rivolge al Mossad: sapete che MSF gestisce navi negriere – come la Geo Barents – che fanno la spola tra l’Africa e l’Italia?

L’ultimo carico lo hanno portato a Taranto l’altro giorno.




2 pensieri su “MSF come Hamas attacca Israele e traghetta islamici in Italia”

  1. le navi negriere andrebbero tutte affondate, ne fai fuori una ne fai fuori 2 non andrebbe più nessuno a rompere i coglioni davanti all’africa, cosa potrebbero fare? chiedere la sorveglianza di navi da guerra dei loro paesi??, si che poi le medesime si dovrebbero caricare della marmaglia negra in mare??

    questo va fatto, un barchino che da malta parte tutti i giorni a fare il proprio sano patriarcato dovere!

  2. Non puoi bombardare a tappeto una intera popolazione civile
    solo perché una fazione di essa a commesso dei crimini.

    E come se un fascista di Casa Pound va a commettere dei crimini
    ed io bombardo il suo intero quartiere, al fine di ammazzarlo, non preoccupandomi di tutti coloro che moriranno e non hanno fatto niente.

    Qui siamo alla logica terra terra delle massaie.

    A sto punto pure Putin, non dovrebbe farsi problemi a buttare un missile nucleare in Padania, ignorando che in Padania non sono tutti leghisti.

I commenti sono chiusi.