Toghe rosse contro la democrazia: “E’ un nostro diritto”

Vox
Condividi!

Il presidente di Magistratura Democratica, il Pd delle toghe, tal Silvia Albano, teorizza il diritto all’ingerenza dei magistrati nel dibattito politico italiano.

VERIFICA LA NOTIZIA

«Per la funzione che la Costituzione assegna al potere giudiziario, credo che la magistratura abbia il dovere di intervenire nel dibattito pubblico sulle riforme istituzionali ed evidenziare le conseguenze che ritiene potrebbero derivare da un’alterazione dell’equilibrio tra i poteri disegnato dai costituenti». Insomma, per la Albano, l’ingerenza sulle questioni politiche per la Albano è un caposaldo legittimo e indiscutibile. E, per spiegarlo meglio, aggiunge che «la Consulta, in più sentenze, ha scritto che i magistrati godono del pieno diritto di associarsi e di partecipare al dibattito pubblico, e lo ha detto anche la Cedu sui giudici turchi e la Corte di giustizia sui colleghi polacchi».

Vox

Infatti la Consulta dovrebbe essere eliminata come organo che decide a discapito del Parlamento eletto dal popolo quali leggi sono o non sono costituzionali. E’ bizzarro che una quindicina di nominati abbia l’ultima parola sulle leggi in una democrazia.

E non avevamo dubbi che la toga rossa tirasse in mezzo la famigerata CEDU, corte sovranazionale occupata manu militari dai giudici di Soros. A questi magistrati piace imporre al popolo la propria ideologia politica. Una minoranza di burocrati, quindi, che impone alla maggioranza dei cittadini ideologie minoritarie: il contrario della democrazia.

La democrazia italiana deve essere compiuta, e per farlo la magistratura deve sottostare alla politica: applicare le leggi alla lettera e in silenzio.




3 pensieri su “Toghe rosse contro la democrazia: “E’ un nostro diritto””

  1. Tale italica magistratura non solo si arroga il “dovere” (non diritto !!) di partecipare alle scelte politiche nazionali, ma intende mantenere anche i suoi esclusivi privilegi di insindacabilità e irresponsabilità penale e civile nell’esercizio della funzione: TROPPO COMODO.
    Sono solo impiegati statali come tanti altri.

    1. mica vero il piu’ sfigato di loro dopo 15 anni becca sui 6000 euro netti al mese con 364 giorni di vacanze l’anno che raggiungono i 365 negli anni bisestili!
      😅😅😅😅😅

I commenti sono chiusi.