Ostaggi israeliani prigionieri nelle case di dipendenti ONU a Gaza

Vox
Condividi!

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (Unrwa) fungerebbe da prigione degli ostaggi israliani.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo conferma la testimonianza di uno degli ostaggi rilasciati mercoledì 29 novembre, che ha raccontato di essere rimasto chiuso per 50 giorni nella soffitta della casa di un insegnante dell’Unrwa. Il suo carceriere sarebbe il padre di dieci figli e gli avrebbe fornito la quantità minima di cibo e medicinali sufficienti a sopravvivere.

Vox

I funzionari dell’agenzia Onu a Gaza erano stati accusati dallo Stato ebraico di sostenere l’ideologia di Hamas già ad ottobre, dopo che sulla pagina Facebook ufficiale di una scuola dell’Unrwa di Nablus era comparso un video, in cui si vedeva un giovane studente intento a invocare la vittoria dei “guerrieri del Jihad” con accanto un membro dell’organizzazione.




Un pensiero su “Ostaggi israeliani prigionieri nelle case di dipendenti ONU a Gaza”

I commenti sono chiusi.