Violentata nel parcheggio di un supermercato: è stato il solito AFRICANO

Vox
Condividi!

Reggio Emilia, dopo aver finito il turno, una 23enne è stata aggredita e palpeggiata nel parcheggio di un supermercato durante un tentativo di violenza sessuale: arrestato un 55enne nordafricano che ora si trova ai domiciliari

Ieri i giornali hanno nascosto la notizia, parlando solo di ’55enne’. Quando è così statene certi: è uno di loro.

Aggredita, palpeggiata al seno, con l’eplicita intenzione di violentarla. Aveva da poco finito il suo turno di lavoro al supermercato ed era uscita coi suoi sacchetti della spesa, quando, proprio mentre stava per mettere in moto l’auto per tornare a casa, un uomo ha aperto lo sportello e l’ha aggredita cominciando a molestarla e minacciando di portarla nel sedile posteriore del veicolo. Nessuno a cui chiedere aiuto ma la vittima, una ragazza, è riuscita a divincolarsi e a scappare. In stato di choc ha chiamato i carabinieri che sono riusciti a risalire al presunto aggressore e ad arrestarlo.

Vox

Si tratta di un nordafricano di 55 anni, residente da tempo a Reggio. Un insospettabile operaio, incensurato, che non aveva mai avuto problemi del genere con la giustizia.

Tutto è successo nella nostra città a metà ottobre: ora all’uomo è stato notificato il provvedimento restrittivo di natura cautelare e si trova agli arresti domiciliari a disposizione della Procura reggiana.

Era il 12 ottobre scorso, quando nel garage di un supermercato della città si sono consumate l’aggressione e le molestie, intorno alle 18,30.

Un tardo pomeriggio come tanti altri in cui la giovane vittima, 23enne reggiana, aveva staccato dal turno di lavoro al supermercato (non riveleremo altri dettagli per non renderla identificale) e si era appena infilata nella sua auto, parcheggiata nel garage, per tornare a casa.

La ragazza stava ingranando la marcia quando un uomo ha aperto la portiera di lato e le si è buttato addosso, invitandola esplicitamente a spostarsi dietro per abusare di lei. La vittima, seppur scossa e impaurita, è riuscita a reagire, a divincolarsi e a scappare. Una volta allontanatasi e messasi in salvo ha chiamato i carabinieri della stazione di Corso Cairoli per denunciare l’accaduto. In stato di choc, la ragazza ha raccontato tutto ai militari che hanno cominciato a raccogliere elementi per risalire all’aggressore. Grazie ad alcune testimonianze e in particolare alla visione dei filmati delle telecamere di sorveglianza del parcheggio del supermercato, i carabinieri hanno identificato il presunto autore delle molestie. Si tratta di un operaio incensurato di 55 anni, abitante a Reggio, denunciato e poi colpito dalla misura degli arresti domiciliari, richiesta e ottenuta dalla Procura di Reggio Emilia guidata dal procuratore Calogero Gaetano Paci.

A quanto si apprende, la ragazza avrebbe riferito agli investigatori che il volto del suo aggressore non le era completamente sconosciuto. Potrebbe trattarsi di un cliente del supermercato che aveva visto altre volte. Ora gli accertamenti dei carabinieri proseguono, anche per capire se l’uomo possa, tra le ipotesi, aver “studiato” la vittima e i suoi spostamenti prima di aggredirla.