Pesta figlia promessa in sposa a 10 anni, assolto il padre: “Pestaggi episodici”

Vox
Condividi!

L’avvocato dell’assassino di Giulia Cecchettin deve immediatamente proporre al suo assistito il cambio del nome: Mohammed Al Turetta.

In seguito ad una segnalazione scolastica, vennero eseguiti gli accertamenti del giudice del Tribunale per i minorenni. Parallelamente, la Procura ordinaria aprì un fascicolo d’inchiesta.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nel corso delle indagini sarebbero emersi vari episodi di maltrattamenti, fino al mese di aprile del 2018. Si parla di schiaffi, spintoni, tirate per i capelli. Ed In particolare, il padre avrebbe impedito alla figlia il fidanzamento con un coetaneo a lei gradito, poiché l’avrebbe promessa in sposa, fin dall’infanzia, ad un altro ragazzo 16enne del suo paese, in virtù di un matrimonio combinato. E l’uomo avrebbe ridotta in uno stato di profonda frustrazione la ragazza, tanto da indurla ad atti di autolesionismo consistenti in tagli sul polso sinistro.

Si conclude con l’assoluzione con formula piena il processo a carico del commerciante singalese finito sotto processo con l’accusa di avere promesso in sposa la figlia ad un connazionale sin da quando aveva dieci anni. L’uomo, un 53enne originario dello Sri Lanka, ma residente a Lecce, era accusato di avere picchiato in stato di ubriachezza non solo la figlia ma anche la moglie e l’altro figlio.

La sentenza, con motivazione contestuale, è stata emessa nel pomeriggio odierno, dal giudice monocratico Valeria Fedele che ha assolto l’imputato con la formula “perché il fatto non sussiste”.

Vox

È stata dunque accolta la richiesta di assoluzione avanzata dall’avvocato Paolo Spalluto, al termine della propria arringa difensiva.

Secondo la difesa, nel caso di specie, tutto nascerebbe, da un tentativo di “matrimonio combinato” cosa ben diversa dal “matrimonio forzato “ che prevede in Italia ma anche in Sri Lanka, ipotesi di illiceità. Inoltre, le altre condotte contestate sarebbero episodiche e non abituali.

La pubblica accusa aveva invocato la condanna a 3 anni per il reato aggravato di maltrattamenti in famiglia.

La ragazza, ora maggiorenne, che aveva rimesso la querela e revocato la costituzione di parte civile, era assistita dall’avvocato Erlene Galasso.

I fatti sarebbero stati raccontati dalla ragazza in un tema durante l’ora di italiano in una scuola media.




2 pensieri su “Pesta figlia promessa in sposa a 10 anni, assolto il padre: “Pestaggi episodici””

  1. La differenza tra un matrimonio combinato ed un forzato per una bimba di 10 anni che per la legge italiana non è in grado di intendere e volere, né quindi di assentire, è la stessa differenza che esiste tra un frocio ed un rikkione, cambia il nome ma sempre nel didietro se lo prendono , magistratessE sempre in balia di negri, queste sono ritardate

    1. I matrimoni forzati li fanno ancora pure in meridione. Cazzo abbiamo fatto di male noi altri quassù per accollarci sti trogloditi…

I commenti sono chiusi.