I migranti provano a violentare anche le giornaliste di Fuori dal Coro

Vox
Condividi!

Dal patriarcato discenderebbe la “cultura dello stupro” secondo le bizzarre argomentazioni della sorella con l’anello al naso della povera Giulia Cecchettin. Tesi ripresa dalle zitelle sataniste di mezza Italia.

In realtà, l’aumento esponenziale degli stupri è dovuto ai migranti, per lo più musulmani, di seconda generazione, “richiedenti asilo” o clandestini.

Però, su questo, i media tacciono e nessuno la vera “cultura dello stupro”.

Per documentarlo, la trasmissione Fuori dal Coro di Mario Giordano, è andata a Bologna. E lì i migranti hanno provato a violentare anche la giornalista.

Come si vede nel video, la stessa inviata Maria Letizia Modica Alliata è stata circondata e molestata.

Vox

Il capoluogo emiliano vanta un triste e assai poco lusinghiero primato: solo dall’inizio dell’anno sono 219 le donne che hanno denunciato violenze subìte, numeri impressionanti. Dovuti quasi esclusivamente ai migranti.

Il servizio sulle notti da brivido nella zona tra la stazione centrale e quella universitaria ricorda che, precisamente nel quadrante in cui si è mossa l’inviata di Rete 4, si sono consumate cinque violenze sessuali negli ultimi due mesi. Tutte commesse da immigrati, in diversi casi minori non accompagnati arrivati da Lampedusa.

Un tragico collage di alcuni titoli di giornale, così come appaiono nel servizio andato in onda: “Violenza sessuale su una 15enne a bordo di un autobus in pieno giorno. Fermati due minorenni stranieri”; “Ragazza vittima di stupro in zona universitaria a Bologna”, e altri titoli tristemente simili.

Un fenomeno comune a tutte le grandi città italiane – invero anche a quelle più piccole –, basti pensare alla Milano arcobaleno del sindaco Pd, Beppe Sala, dove in quattro anni sono raddoppiate le violenze sessuali, sempre grazie ai migranti.

E anche lì l’inviata di Fuori dal Coro è stata molestate:




Un pensiero su “I migranti provano a violentare anche le giornaliste di Fuori dal Coro”

  1. Ringraziate il pd, e chi vuole la società multiculturale del meticciato.
    Credo che in nessuna epoca si siano importate, scientemente, masse di negri se non per renderli schiavi, con tanto danno per le società ospiti, da quelle nordafricane e mediorientali, nel medioevo, e a quelle americane in età moderna, che ancora si portano dietro problemi.
    E noi, li importiamo per ‘fare numero’, come fa la Francia, il numero è potenza… sono 66 milioni… Di cui 16 neri, arabi o meticci.
    Possono arruolare potenzialmente più eserciti di giovani degli altri grandi paesi europei.
    Non vi viene da ridere? O forse, da piangere.

I commenti sono chiusi.