Giulia Cecchettin, la sorella contro Salvini e i maschi bianchi

Vox
Condividi!

Elena Cecchettin, sorella di Giulia, da ieri a ieri condivide scritte e storie legate ai cosiddetti femminicidi e nella giornata di oggi ha messo nel suo mirino il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, nonché vicepremier, Matteo Salvini.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il segretario della Lega, successivamente all’arresto dell’ex fidanzato di Giulia avvenuto in Germania, ha scritto un tweet piuttosto neutro: “Bene. Se colpevole, nessuno sconto di pena e carcere a vita”.

Elena Cecchettin, che probabilmente farà la stessa fine della sorella di Cucchi, ha sentito la necessità di replicare con una storia Instagram: “Ministro dei Trasporti che dubita della colpevolezza di Turetta perché bianco, perché ‘di buona famiglia’. Anche questa è violenza, violenza di Stato”. Un delirio.

Nella stessa storia scrive: “Ministro il cui partito (insieme a FdI, che però ha scelto l’astensione) a maggio ha votato contrariamente alla ratifica della convenzione di Istanbul”.

Polonia esce da Convenzione di Istanbul che nega il sesso biologico

Vox

Gli obiettivi politici della ragazza vengono fuori dalla condivisione di un’altra storia, “contro la violenza patriarcale, di genere e transfobica. In piazza anche per Giulia”. La manifestazione, come si legge nel post originale, è stata organizzata dal Collettivo SqueerT, collettivo transfemminista di Padova il cui slogan è “squeertiamo sul patriarcato” e dal Collettivo Kosmos, un altro collettivo che si definisce “queer e transfemminista” della città veneta.

“Per gli assassini carcere a vita, con lavoro obbligatorio. Per stupratori e pedofili – di qualunque nazionalità, colore della pelle e stato sociale – castrazione chimica e galera. Questo propone la Lega da sempre, speriamo ci sostengano e ci seguano finalmente anche altri”, ha scritto Salvini successivamente alle dichiarazioni di Elena Cecchettin, pubblicando la foto di Turetta con Giulia. Quindi, conclude, facendo riferimento alla polemica: “Ovviamente, come prevede la Costituzione, dopo una condanna stabilita in Tribunale augurandoci tempi rapidi e nessun buonismo, anche se la colpevolezza di Filippo pare evidente a me e a tutti”.

Non è che siccome tua sorella è stata vittima di un demente sei libera di scrivere tutte le sciocchezze che vuoi. Rimangono sciocchezze.




4 pensieri su “Giulia Cecchettin, la sorella contro Salvini e i maschi bianchi”

  1. Cosa dice però questa ragazza a proposito degli altri femminicidi? Quelli commessi dagli africani ultimamente?

  2. al proposito di Kabobo, stragista negro, boldrini laura disse testualmente : “se ha sbagliato deve pagare” ….. e nessuno ci trovò da ridire.

I commenti sono chiusi.