Femminicidio, la verità dei numeri: migranti vincono 3 a 1

Vox
Condividi!

Ogni volta che un maschio italiano uccide una donna scatta il ricatto contro tutto il genere maschile italiano. Come se esistesse una colpa collettiva e non individuale.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nonostante sia un fenomeno raro (circa 50 casi l’anno su milioni di individui) come gli infanticidi commessi dalle mamme. Anzi, in proporzione – ci sono molti più fidanzati/mariti di madri – è ancora più raro. Ma, comunque, entrambi i fenomeni sono oltre le nostre possibilità di eliminarli, appunto perché rari e imprevedibili. A meno di eliminare l’amore e impedire alle donne di avere figli: un’assurdità, ma è quello a cui punta chi usa la propaganda del femminicidio.

Nel caso dei femminicidi, e ancora di più per gli stupri, un modo di limitarli però ci sarebbe: azzerare l’immigrazione. Non possiamo certo cacciare dall’Italia tutti i maschi italiani perché una decina di loro uccide donne, ma possiamo certamente evitare l’ingresso di maschi stranieri che uccidono dieci volte più donne.

Vox

Il cosiddetto femminicidio è un fenomeno prettamente mediatico, vengono uccisi molti più uomini che donne in Italia.

Ma, anche in questo caso a farla da padroni sono gli invasori. Se gli italiani fossero ‘femminicidi’ come loro, avremmo in Italia centinaia di femminicidi l’anno e non una cinquantina. Quindi si passerebbe da un fenomeno raro e gonfiato dai media, ad una vera strage.