Morto dopo 4 mesi di coma: era stato massacrato da duo multietnico perché italiano

Vox
Condividi!

Come ha spiegato Piantedosi, l’insicurezza è una percezione.

VERIFICA LA NOTIZIA
Dopo quasi 4 mesi di agonia, ricoverato in coma in una clinica di Impruneta (Firenze), è morto Piero Conti, 79 anni, l’imprenditore di Campi Bisenzio (Firenze) vittima il 20 marzo scorso di una rapina nel parcheggio di un istituto di credito di Campi Bisenzio. Due uomini un 47enne albanese e un 63enne con cittadinanza italiana lo avevano aggredito rapinandolo di 18 mila euro.

Vox

Piero Conti era un personaggio noto a Campi Bisenzio dove aveva fondatore la pasticceria “Il Grillo”. I due rapinatori, che sono stati arrestati alcuni giorni fa dai carabinieri con le accuse di rapina e lesioni gravissime, ora rischiano un’imputazione per omicidio.

“E’ con immenso dolore che comunichiamo la scomparsa dell’anima e fondatore della Pasticceria Il Grillo. Purtroppo, a seguito della vile aggressione ai suoi danni e dopo quattro lunghi mesi di atroci e interminabili sofferenze si è spento nel peggiore dei modi”, scrivono i familiari sulla pagina Facebook del locale. “Non troviamo parole per esprimere i sentimenti contrastanti di tristezza e rabbia che questo evento ha scaturito. Vogliamo ringraziare col cuore in mano i carabinieri della compagnia di Signa che ci hanno fornito un preziosissimo aiuto e supporto, oltre all’ineccepibile lavoro svolto, in questo periodo così difficile”.