Bergoglio invita Casarini al Sinodo dei vescovi: ha rifornito la Caritas di africani

Vox
Condividi!

Bergoglio ha invitato Luca Casarini, noto pregiudicato e secondo la questura di Palermo in vicino ad ambienti della criminalità organizzata, oggi capomissione della Ong Mediterranea Saving Humans, alla prima sessione della XVI Assemblea Generale del Sinodo dei Vescovi.

L’evento si terrà dal 4 al 29 ottobre prossimo. Tema: “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione, missione”.

Viene, evidentemente premiato come portare di carne fresca al business dell’accoglienza della Chiesa Spa.

VERIFICA LA NOTIZIA
Vox

“Grazie per tutto quello che fate. Vorrei dirvi che sono a disposizione per dare una mano sempre. Contate su di me“. Così Papa Francesco, nell’aprile 2020, rispose a una lettera ricevuta da Mediterrana Saving Humans. Una replica piuttosto significativa, in cui Bergoglio oltre a esprimere massima vicinanza alla Ong che trasportava – e trasporta tuttora – clandestini sulle coste italiane, faceva sapere di essere a disposizione degli attivisti.

“A firmare la missiva era stato il capomissione Luca Casarini, dopo le ultime notizie dalla Libia. E ieri mattina papa Francesco ha fatto arrivare la sua risposta, scritta di suo pugno, per incoraggiare i volontari delle missioni umanitarie nel Mediterraneo”, spiegò allora la Ong. La stessa Mediterranea fece inoltre notare che “nella lettera, a nome di tutti i componenti dell’organizzazione, Casarini aveva manifestato l’amarezza per tutti gli ostacoli posti alle navi umanitarie, ma soprattutto per l’aggravarsi delle condizioni di migliaia di persone nei campi di prigionia in Libia e negli accampamenti in Grecia, dove ore incombe la minaccia del Coronavirus”.

Certo, già allora colpiva quello scambio “abbracci” e la promessa di collaborazione con l’ex leader dei centri sociali. Una risposta, quella di Bergoglio, di certo non parca di afflato ed elogi: “Luca, caro fratello, grazie tante per la tua lettera”, ma anche “per la pietà umana che hai davanti a tanti dolori. Grazie per la tua testimonianza, che a me fa tanto bene”.

Ma quella non fu la prima volta che il Vaticano mostrò il suo apprezzamento nei confronti di Casarini e della Ong Mediterranea. Nell’ottobre 2019, Papa Francesco nominò cardinale Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo. E come festeggiò la prestigiosa nomina Sua Eminenza Reverendissima? Con un bel pranzo in compagnia di alcuni compagni di fede: Luca Casarini, don Mattia Ferrari e Beppe Caccia. Il neocardinale pubblicò su Instagram una foto dell’allegro convivio, esprimendo tutto il suo giubilo con parole analoghe a quelle scelte successivamente da Bergoglio: “Sono commosso dalle vostre storie e dalla vostra esperienza. Luca, Beppe, don Mattia: potrete sempre contare su di me!”. Un Vaticano sempre a disposizione insomma, delle Ong che traghettano clandestini in Italia.




5 pensieri su “Bergoglio invita Casarini al Sinodo dei vescovi: ha rifornito la Caritas di africani”

  1. Difficile dire chi sia più impresentabile tra il globalista Bergoglio e l’ex no-global Casarini. Una cosa però li accomuna: entrambi fanno soldi importando clandestini.

I commenti sono chiusi.