Immigrati regolari bruciano Francia, Meloni: ”Immagini Francia fanno capire che solo immigrazione regolare genera integrazione”

Vox
Condividi!

I figli, i nipoti e bisnipoti degli immigrati regolari, nati e cresciuti in Francia, con cittadinanza francese, bruciano la Francia.

Meloni: ”Le immagini dalla Francia fanno capire che solo un’immigrazione regolare può generare integrazione”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Non avevamo dubbi che non avesse capito, come sua consuetudine. Come si possa partorire una stupidaggine del genere dopo avere visto le immagini francesi, e sapendo che dipendono TOTALMENTE dall’immigrazione regolare – quella dei decreti flussi, quella dei ricongiungimenti familiari, quella propagandata dal suo partito finanziato da chi guadagna con l’esercito di riserva degli immigrati regolari -, è mistero che solo una introspezione cranica potrebbe rivelare: c’è qualcuno?

Vox

Vorremmo riversare sulla Meloni tutto il nostro vocabolario di offese, scegliendo tra le più volgari. Non possiamo perché in Italia non c’è libertà di espressione, a meno che tu non sia parlamentare. Ma le pensiamo tutte.

C’è un posto speciale all’inferno per i traditori, come insegna Dante, lei lo merita tutto.

Quanto accade in Francia, con le città bruciate dai nipoti dei migranti arrivati negli anni ’70, ’80 e ’90 è figlio dell’immigrazione regolare. E’ il risultato dei ricongiungimenti familiari. Gli stessi che, oggi, portano in Italia 200mila di questi.




13 pensieri su “Immigrati regolari bruciano Francia, Meloni: ”Immagini Francia fanno capire che solo immigrazione regolare genera integrazione””

  1. ”Il livello culturale di questo governo (in teoria) conservatore è patetico, un misto di marchettificio, romanismo, ammiccamenti, sudditanza a sinistra e banalità”
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1676236436297637889

    Consiglio di lettura ai disonesti e stolti giornalisti italiani. Visto che sono al 99 per cento di sinistra, ameranno le memorie di Jean Daniel, “Réconcilier la France” […] “C’è in questo momento in Occidente un’islamizzazione della vita quotidiana la cui espansione è preoccupante“. “Non perdonerò mai la sinistra, la mia famiglia, di non essersi preoccupata di ciò che stava accadendo”. “Presidente Mitterrand, il paese sta cambiando, il campanile della tua locandina in poco tempo lo vedrai circondato da due minareti“.
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1676142330586202113

    I kalashnikov e gli “urinatoi inclusivi”, i barbari e i benpensanti. […] In Francia i sindaci che supplicano rinforzi usavano i fondi della sicurezza per gli orti biologici nelle scuole e “piste ciclabili gender free”. Nella città del sindaco cui hanno provato a bruciare vivi la moglie e i figli, il 42 per cento di tutti gli under 18 sono extra-europei. Il nostro mondo “inclusivo” è appena nato ed è già vecchio. Sarà spazzato via
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1675869047034871808

  2. ”Intra moenia atque in sinu Urbis sunt hostes”
    Entro le mura, in seno all’Urbe sono i nemici
    Gaio Sallustio Crispo, ”La guerra di Catilina”, LII, 35.

    Stiamo ricalcando, demenzialissimamente, gli stessi, identicissimi, errori degl’italicidi orchi francesi!!

    Allahicité! “Così si sta già realizzando la secessione in Francia”. E in Italia stiamo commettendo gli stessi errori. Due libri rivelano la divisione. 400 nuove moschee in costruzione. Ebrei in fuga. Centinaia di “territori perduti“. “Mohamed, Adam, Ibrahim, Isaac, Rayan, Moussa, Imran, Amir, Ismaël, Aylan, Lina, Nour, Inaya, Aya, Fatima, Aïcha, Mariam, Maryam, Fatoumata, Sarah”. Sono i dieci nomi più popolari fra i nuovi nati, maschi e femmine. In Algeria? Tunisia? Egitto? Arabia Saudita? Iraq? Yemen? No, nel sesto dipartimento più grande di Francia.
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1677321653359898626

    Gli Unni infuriano attraverso tutte le città del Veneto. Vicenza, Verona, Brescia, Bergamo, nessuno oppone resistenza. Allo stesso modo devastano Milano e Pavia
    Paolo Diacono, ”Storia Romana”
    ://www.raiplay.it/video/2020/03/cronache-dallantichit-dal-mito-alla-storia-p9-79d93050-9577-4288-9c41-53e3a5826914.html

I commenti sono chiusi.