Giuseppe ucciso da marocchino a 17 anni, il padre a Salvini: “Fermali, stanno uccidendo i nostri figli”

Vox
Condividi!

Raffaele non compirà mai 18 anni perché un marocchino integrato che voleva la sua ragazza lo ha ammazzato. Il governo approva l’immigrazione regolare di massa?

Su questa notizia:

ALTRO ITALIANO DI 17 ANNI UCCISO DA IMMIGRATO: VOLEVA LA SUA RAGAZZA

Vox

Le parole del padre

Un post tratto dal profilo Facebook Giuseppe Turco: ammazzato a coltellate in piazza Villa a Casal di Principe (Caserta) +++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO’ ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L’AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++

“Ora il vice premier Salvini deve intervenire, perché non è possibile morire a 17 anni per colpa di un ragazzo con precedenti penali”. Così Raffaele Turco, papà di Giuseppe, il ragazzo 17enne ucciso a coltellate a Casal di Principe (Caserta) da un 20enne di origine marocchina già denunciato in passato perché sorpreso fuori ad un negozio con un’arma da fuoco. “In questa zona siamo abbandonati a noi stessi, in mano ai violenti, perciò lo Stato adesso non deve lasciarci soli. Giuseppe doveva andare a mangiare una pizza ed invece ora non tornerà più. Farò di tutto per avere giustizia”.




7 pensieri su “Giuseppe ucciso da marocchino a 17 anni, il padre a Salvini: “Fermali, stanno uccidendo i nostri figli””

  1. l’islam non e’ una religione, ma un movimento politico radicale.
    Molti paesi arabi sono governati sotto le leggi islamiche e la sharia.
    Presto anche le mafie nostrane dovranno fare i conti con loro..

I commenti sono chiusi.