I numeri di Meloni islamizzano l’Italia: saranno maggioranza entro 2050

Vox
Condividi!

Doveva fare il blocco navale e impedire la sostituzione etnica: ha il record di sbarchi e di ingressi ‘regolari’. Non abroga i ricongiungimenti familiari, che portano ogni anno più di duecentomila giovani invasori, a maggioranza islamica. E pubblica decreti flussi per aumentare la presenza di afroislamici, invece di riportare in Italia gli italiani.

Li vanno ad assoldare in Bangladesh:

Lollobrigida, il cognato di Meloni ci porta migliaia di bengalesi

Tempo fa vi abbiamo presentato la previsione dell’istituto Pew Research sulla crescita della popolazione islamica in Italia, nel caso l’immigrazione prosegua ai livelli attuali:

I vostri figli vivranno in un’Italia islamizzata

Ma anche nel caso di ‘immigrazione zero’, la natalità loro e la denatalità nostra significherà il quasi raddoppio della popolazione islamica in Europa e il raddoppio in Italia:

Muslims in the EU, Norway and Switzerland in 2050: zero migration scenario

Amount of growth in Europe's Muslim population depends on future migration

Questo significa che oltre al blocco dell’immigrazione e uno stimolo mirato agli italiani di sangue per la natalità, è necessario (anzi urgente) un piano di rimpatrio degli immigrati islamici già presenti in Europa e in Italia. Non ci sono alternative. Altrimenti saremo ospiti a casa nostra. Perché già l’8 per cento della popolazione, significa un partito che può imporre una visione islamica della società alla coalizione di cui fa parte.

Vox

La terza guerra mondiale è demografica. Ovviamente, con il piano Lollobrigida, il cognato di Meloni, gli islamici saranno maggioranza in Italia entro il 2050.

Se infatti la previsione con alta immigrazione prevede oltre 8 milioni di islamici in Italia entro il 2050 e una popolazione residente in contrazione a 54 milioni di abitanti, in caso di applicazione del Piano Lollobrigida:

Piano Meloni per l’Italia: 1.250.000 immigrati in 5 anni da Tunisia e Bangladesh

Il conto è presto fatto. Ai numeri indicati andrebbero aggiunti per i prossimi 26 anni altri 250mila immigrati l’anno. Ovvero 6.500.000 immigrati. Includendo mogli e figli che arriverebbero coi ricongiungimenti familiari, questo numero andrebbe almeno raddoppiato (e ci stiamo tenendo bassi), parliamo quindi di 13 milioni di immigrati, quasi tutti musulmani, da aggiungere agli 8 milioni previsti. Quindi, circa una ventina di milioni di musulmani su una popolazione di 54 milioni di abitanti. Ovviamente, a questi andrebbero poi aggiunti gli immigrati non musulmani non inclusi negli 8 milioni indicati, roba tipo i peruviani, ecuadoriani e indiani. Quindi, secondo questi calcoli, col piano del cognato di Frottola, gli italiani sarebbero minoranza in Italia molto prima del 2050, diciamo nel 2040. E nel 2050 sarebbero solo 1/3 della popolazione.

Questo è il vero genocidio. Non un centinaio di invasori che affondano. Siamo governati da una classe politica criminale e genocida. Almeno il Pd ha detto chiaramente che vuole sostituire gli italiani. Questi finiani camuffati da patrioti, hanno mentito. Lollobrigida delenda est, politicamente.

Già oggi, a Milano c’è una scuola così piena di figli di immigrati, che le famiglie italiane della zona sono in fuga, iscrivono i figli altrove. E hanno ragione. Non solo. A dare l’allarme anche alcuni genitori di origine sudamericana che “a casa hanno sentito i loro figli parlare in arabo”, ha spiegato una docente che vuole mantenere l’anonimato.

La scuola è l’Istituto comprensivo Fabio Filzi di Milano, nel quartiere Corvetto, già al centro di problemi di dis-integrazione e criminalità.

“I genitori italiani si rifiutano di iscrivere i loro figli qui – ammise il preside, Domenico Balbi – tanto che effettivamente non riusciamo a formare un numero adeguato di prime classi nella Primaria”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Secondo i dati presentati dal Politecnico, gli alunni stranieri a Milano oggi sono il 25% alla primaria e il 18 per cento alle scuole medie, “ma la distribuzione varia molto dal centro alle periferie dove gli stranieri arrivano all’80%”. Al Fabio Filzi, nella 1/a A, “su 26 bambini, 22 sono stranieri, di origine straniera o italiani con un genitore straniero”.

Ci stanno invadendo. A Milano il 25% dei futuri residenti è straniera. Significa che presto, con questi ritmi, saranno la maggioranza. Dobbiamo fermarli. E’ nostro dovere fermarli. Prima di diventare stranieri in casa nostra, prima che i nostri figli tornino a casa parlando arabo.




7 pensieri su “I numeri di Meloni islamizzano l’Italia: saranno maggioranza entro 2050”

  1. I patrioti devono diffidare dei prolissi.

    ”Una buona parte delle concessioni di fortificazione rilasciate da Berengario I, concentrate fra il 904 e il 916, si giustificano infatti in modo esplicito con il timore provocato dalle scorrerie ungare e dei «cattivi cristiani». Il periodo indicato non coincide tuttavia con il momento più acuto delle incursioni poiché gli Ungari rimasero assenti dall’Italia proprio dal 904 al 920. È probabile, quindi, che le motivazioni ufficiali avanzate nei diplomi regi intendano sfruttare a fini politici l’effettivo stato di disagio provocato soprattutto dalla prima pesantissima incursione ungara avvenuta negli anni 899-900.
    Non si può dunque fare della paura il deus ex machina dell’incastellamento settentrionale, quasi a contraltare delle cause prevalentemente economiche che sembrerebbero invece presiedere alla moltiplicazione dei castelli nell’Italia centro-meridionale. Anche nel nord, del resto, è fuori dubbio che alla costruzione di fortezze si intersecano non solo pressanti motivi di carattere politico, ma anche di ordine economico [soprattutto motivi securitari]: i grandi proprietari hanno innanzitutto un preciso interesse nell’offrire protezione ai coltivatori delle loro aziende per evitarne la fuga al primo segnale di pericolo.”
    Aldo Angelo Settìa, ”Castelli medievali”, Il Mulino, 2018, pagina 30-1.

    Che orrenda verbosità!!

    “Colui che potendo esprimere un concetto in dieci parole ne usa dodici, io lo ritengo capace delle peggiori azioni.”
    Giosuè Carducci

  2. Il blocco navale? Farlo si potrebbe

    Caro Giordano, sono convinto che tecnicamente il blocco navale anti immigrati si possa fare, anche abbastanza facilmente, per esempio al limite delle acque territoriali tunisine e/o libiche. […] Se mai, il blocco navale sarebbe politicamente molto difficile da realizzare, al limite anche da parte solo dell’Italia, vista l’opposizione che ci troviamo in casa. Ma questo è un altro discorso! Lei che ne pensa?
    Alberto Flisi, Merano

    Penso, come dice lei, che il blocco navale non sia un problema tecnico ma politico. Ma non è «altro discorso»: è «il discorso». È chiaro infatti che il governo di centrodestra è stato subito messo in mora: gli hanno addebitato il naufragio di Cutro, causato dalla follia degli scafisti mentre i nostri militari andavano in soccorso, si figuri che succederebbe in caso di blocco navale. Ogni morto annegato nell’orbo terracqueo verrebbe imputato a Giorgia Meloni, le piazze si riempirebbero di mobilitazioni contro il razzi-fascismo imperante, etc etc. Eppure, caro Alberto, questa secondo me non è una scusante. Anzi. La forza che Giorgia Meloni ha avuto dal risultato elettorale infatti dovrebbe essere sufficiente per superare tutti gli ostacoli politici. Se il problema fosse tecnico, capirei l’impasse. Ma così…”
    La Verità, Lunedì 15 Maggio 2023, pagina 21.

    Bravo patriota Mario Giordano!

    Giorgia Meloni N-O-N ha scusanti!!!
    La forza che Giorgia Meloni ha avuto dal risultato ELETTORALE dovrebb’essere sufficiente affinché il governucolo superi tutti gli ostacoli politici!!!

    ”Chi dice che Meloni non può fare perché sotto ricatto, sbaglia. Quel partito ha partorito dal tempo di Fini solo scarti politici. Dei quali Meloni è l’espressione più alta. Non sono sotto ricatto, sono semplicemente incapaci di intendere e di volere.
    Sono stati miracolati dal voto perché unico partito all’opposizione. Questi si venderebbero le madri per una poltrona, esattamente come i grillini.”
    Anonimo

    non vorremmo che tutto ciò fosse anche influenzato da quella ideologia contro i muri che in Italia è più forte che mai. Per capirlo basta passare dagli uffici agli Stati, dalle scrivanie ai confini: la Spagna si difende con le mura a Ceuta e Melilla, la Grecia costruisce un muro verso la Turchia, la Danimarca e l’Austria progettano di alzare muri per difendersi (e intanto si portano avanti con il filo spinato). In Italia, invece, è vietato parlare di muri per fermare gli immigrati anche laddove (come in Friuli-Venezia Giulia) si potrebbero costruire. Perché?
    Mario Giordano, ”Perché un muro può servire”, Panorama, ”Fermateli!”, 14 giugno 2023, pagina 98.

    Perché siamo apolidisti, perché siamo meticcionisti, perché siamo ultraregressisti, perché odiamo mortalmente l’Italia!!!

    1. “Ieri era impensabile, oggi probabile e domani certo: l’Islam prima religione”. Così il maggiore studioso di Cattolicesimo. Nel corso dei secoli, l’Islam ha fatto diversi tentativi per conquistare l’Europa, riuscendo a prendere il fianco occidentale (la Spagna), tutto il sud del Mediterraneo, il fianco orientale (da Costantinopoli ai Balcani) per essere fermato a nord. Qui ha fallito perché ha affrontato cristiani forti nella fede e pronti a resistere. Ma questa volta le cose potrebbero andare diversamente. “È in corso un crollo e i vescovi sono muti”.”
      ://twitter.com/giuliomeotti/status/1671510622897405954

    2. ”Il 2023 sarà ricordato come l’anno del “non uomo”. Povero Occidente”
      ://twitter.com/giuliomeotti/status/1666763870004736001

      L’Islam ha trovato la sua Fata Morgana: il progressismo [l’ultraREgressismo] a misura di sharia. Il sindaco di Londra partecipa a incontri dove le donne sono separate dagli uomini ma mette al bando la parola “donna” per “superare il genere”. Non è un mistero buffo, ma un modello in Occidente e anche in Italia: primi ministri, sindaci, capi partito, commissari, sempre molto “moderni” ma flirtano con tutti i generi di veli, spose bambine, ayatollah… “Il punto in comune è l’avversione per le società occidentali che vogliono spazzare via, i primi per fondare una società inclusiva e cosmopolita, i secondi per imporre una società islamizzata usando argomenti progressisti [ultraREgressiti]”. Ma dell’illusorio arcobaleno alla fine vedranno solo il verde…”
      ://twitter.com/giuliomeotti/status/1671075601858416641

      “Stai abbassando la bandiera sbagliata”. “Non pensi che lo sappiamo?”. Ma lo sapranno tutti quei giovani inglesi che sono morti per la bandiera a terra?
      ://twitter.com/giuliomeotti/status/1668663967122616320

      Fin dove si spingeranno i neo-ottomani ora che Erdogan è stato rieletto nel 570esimo anniversario della presa di Costantinopoli rivendicando la vittoria in Nagorno Karabakh? “Dal 1453 al 2023, gli armeni ci hanno protetto dai barbari”. Perché tradirli?
      ://twitter.com/giuliomeotti/status/1667091675640897537

      ://twitter.com/giuliomeotti/status/1268230514579836929

I commenti sono chiusi.