Scandalo Burisma, Hunter Biden patteggia col governo del padre

Vox
Condividi!

Hunter Biden patteggia. Trump: “Se la cava con una multa”. Il figlio del presidente postale Biden si dichiarerà colpevole di due reati fiscali minori relativi al mancato pagamento di tasse per il 2017 e 2018. L’affaire Burisma è troppo legato alla guerra in Ucraina perché possa essere discusso in un’aula di giustizia, dove sotto giuramento qualcuno parlerebbe.

Donald Trump. “Wow! Il dipartimento di Giustizia corrotto di Biden ha annullato una possibile condanna di centinaia di anni dando a Hunter Biden solo una multa stradale: il nostro sistema è a pezzi”, dice l’ex presidente sul social Truth.

Anche un portavoce del super Pac di Trump, Maga Inc, ha parlato di favoritismi per il figlio del presidente da parte del dipartimento di Giustizia che invece sta facendo passare per vero “il caso fasullo teso solo ad incastrare Trump”, riferendosi all’incriminazione per le carte segrete.

“Gli americani devono rimandare il presidente Trump alla Casa Bianca in modo da avere un procuratore indipendente che finalmente faccia giustizia”, ha aggiunto la portavoce. Per anni infatti Trump e i repubblicani hanno accusato Hunter di gravissimi crimini di corruzione, interferenze da parte di Paesi stranieri e di manovre per coprirle, accuse che sono anche al centro di una commissione d’inchiesta avviata dalla Camera a guida repubblicana.




Un pensiero su “Scandalo Burisma, Hunter Biden patteggia col governo del padre”

  1. Che pagliacciata.
    In pratica è come se Pier Silvio Berlusconi avesse patteggiato una pena col padre al governo: pensate al casino che sarebbe successo, alle varie prediche di Travaglio & compagni
    Invece no, nel caso di Biden, “è la giustizia”.

I commenti sono chiusi.