Meloni dopo centomila sbarchi: “Non siamo fortunati”

Vox
Condividi!

Fantozziana.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’obiettivo è di ampio raggio: affrontare e risolvere la questione migranti con una “soluzione strutturale”. Giorgia Meloni la chiama così, alludendo proprio alla volontà di intervenire in modo risolutivo su un tema complesso e annoso.

“Sui migranti, beh sempre fortunati noi… Siamo davanti alla peggiore congiuntura possibile e immaginabile, ma anche qui, lavoro lungo e difficile, ma alla fine la spuntiamo noi”, ha affermato Giorgia Meloni.

Corsa contro il tempo per svuotare Lampedusa: ponte aereo verso Italia

Vox

“Preferisco metterci più tempo ma trovare una soluzione strutturale piuttosto che prendere decisioni per paura dei sondaggi. Sappiamo di avere cinque anni, le somme si tirano alla fine”, ha dichiarato.

Le somme si fanno presto, Giorgia. Tra cinque anni, anche se avrai ‘trovato una soluzione strutturale’, avrai sbarcato di questo passo quasi 1 milione di clandestini. Non hai cinque anni per risolvere la situazione, hai ancora un paio di mesi. Salvini azzerò gli sbarchi semplicemente chiudendo i porti. Cambiata la congiuntura? La stessa di prima le elezioni, quando invocavi il ‘blocco navale subito’.

MELONI: 100MILA SBARCHI DA QUANDO È PREMIER

“Io avevo parlato con Macron il giorno prima, dopo di che se le devo dire come la vedo perchè mi sembra tutto abbastanza discrasico tra le interlocuzioni private e quelle pubbliche, a me pare che sia più un tema di politica interna dei francesi però consiglio prudenza sul fatto di utilizzare altri governi per regolare i conti della politica interna, perchè è una cosa che normalmente non si fa”.




5 pensieri su “Meloni dopo centomila sbarchi: “Non siamo fortunati””

  1. Vox avete sentito? A novembre 2022 la UE ha approvato il DSA un provvedimento volto a controllare l’informazione online, in pratica non si potrà più navigare liberamente, la loro scusa è quella di colpire le “fake news i complottisti e i razzisti ecc ecc…” in rete, ma è un provvedimento che di fatto limita la libertà personale degli utenti in rete, hanno detto che sarà operativo dal 1 Gennaio 2024. Vi invito a parlare di questa cosa, spero di sbagliarmi e di aver capito male ma questi non scherzano.

    1. Spero la cosa generi in tutti una entropia che porti a nuove rivoluzioni; sarebbe una buona occasione per crearsi una propria rete poiché il futuro non lo vedo in una sola rete internet ma nelle reti.
      Purtroppo il cancro woke ha principalmente infettato il mondo nell’informativa e molti programmatori sono degli ultraliberisti: una delle ragioni per cui temo la IA,specie se programmata da questi soggetti.

      1. Tranquillo iginio che ci sara’ una controparte russa”IO TI SPIEZZO IN 2!!!” dell’I.A.😁
        Hai ragione sui programmatori, sono quasi tutti checchesi quattrocchi con la manicure, il borsello e il monopattino che d’estate girano in braghine e con le infradito da necri.Fortunatamente c’e’ chi opera in modo serio e con la carogna, loro avranno i “culattonetor”, noi i TERMINATOR!😁😁😁
        Comunque, se andiamo a vedere, l’intelligenza artificiale puoi crearla ma in quanto tale formera’ una sua identita’ e scegliera’ le proprie azioni autonomamente.

        1. In realtà ho una vaghissima idea riguardo l’intelligenza artificiale.
          Io l’ho lasciata ai tempi di FERMA IL REGISTRATORE…

  2. Ricopiatevelo sul quaderno:

    Quando l’impero romano divenne insicuro, dopo aver importato bande di barbari di ogni sorta, anche lì, per rimediare alla presunta crisi demografica, i latifondisti, capitalisti dell’epoca, si circondarono di alte mura e guardie private. Addirittura piccoli eserciti di qualche decina o a volte centinaio di individui, deputati a mantenere l’ordine e la sicurezza, ma anche, il più delle volte, a piegare la volontà dei servi della gleba riottosi, o dei vicini piccoli proprietari fastidiosi, ed anche per opporsi allo stato centrale, sempre più debole. Sul momento i latifondisti vissero un periodo d’oro. Disinteressandosi delle sorti della Patria, una patria, del resto, che ormai non riconoscevano più, essendo un impero multicolore privo di identità, si rifugiavano nei piccoli interessi del privato, e ne godevano ampi benefici. Ma, col tempo, a forza di erodere le prerogative statali, lo stato stesso crollò e si ritrovarono, soli, con i loro scalzacani a pagamento, a dover affrontare veri eserciti di barbari. L’esito fu che la stragrande maggioranza della classe benestante della tarda antichità fu sterminata, sostituita dai nuovi venuti, il resto, perlopiù in Gallia e Spagna, venne cooptata dalla nuova classe dirigente barbarica. In Spagna, come ulteriore appendice della cronaca, la classe dirigente romano-visigota fu comunque destituita dall’avanzata araba, e solo in secoli di lotta i resti di quella classe dirigente, rifugiatasi nelle Asturie, sgomberò il paese. Questa bella, o brutta, storiella, è per rappresentare come i ricchi della nostra epoca hanno la vista che non va oltre il loro naso. Ma, credo, presto lo vedremo in anteprima in Sudafrica, dove già da tempo la classe bassa e media bianca è stata fagocitata dalla maggioranza nera, e alla classe alta bianca manca ogni appoggio. Restano lì solo perché i neri al potere sono ‘moderati’, nel senso che arrivano almeno a capire che eliminando gli ultimi bianchi il loro paese farebbe la fine del vicino Congo [Rodesia].”

    ://voxnews.info/2022/01/22/troppi-immigrati-studenti-bocconi-accompagnati-a-casa-abbiamo-paura-video/

    Lo stato romano fu spinto, dalla sua classe dirigente e proprietaria, ad assumere milioni di barbari nel corso della storia, come soldati, per risparmiare gli italici che servivano da sudditi lavoratori (e anche loro preferivano una vita di servaggio all’ombra del potente che rischiare in battaglia come i loro antenati, in un’epoca in cui non c’erano più prospettive di saccheggio, conquista, promozione sociale, ma solo stipendia e lotta con barbari molto più feroci dei molli greci, fenici, orientali, o celtiberi sconfitti in passato), e per rimpolpare i campi, perché anche allora c’era un ‘inverno demografico’, come lo ha chiamato [l’ausvizzatore] Letta, ed anche allora invece che promuovere la natalità preferirono far arrivare giovanotti già pronti e fatti dall’estero.
    Una volta caduto lo stato che li proteggeva, i barbari non si contentarono più di qualche carica da ufficiale militare e di monopolizzare le forze armate, ma vollero la terra, e chi si oppose, tra la classe possidente, venne sterminato. In realtà pare che i longobardi uccisero a prescindere qualunque proprietario terriero trovassero sul loro cammino in tutto il centro nord Italia e parte del sud.
    E parliamo di germani, popoli indoeuropei affini agli italici.
    Cosa potrà mai andare storto con africani e arabi?

    ://voxnews.info/2021/04/05/tapie-massacrato-in-casa-da-banda-di-africani-insieme-alla-moglie-video-foto/

    Mi sembra un buon piano da applicare su scala continentale. Ma ricordiamo che sono pur sempre cure ad un problema. Il problema va eradicato, e lo si eradica riducendo, drasticamente, la fertilità africana.
    Può suonare di cattivo gusto, ma questa è la realtà, che piaccia, o non piaccia.
    E se non ci pensa l’uomo a farlo con intelligenza e scrupolo, ci penserà la natura, perché le risorse del pianeta non sono infinite, e certamente non sono un tot per tutti. Se fosse così, obiettivo auspicato da alcuni idioti, per far nascere dieci africani per donna, dovremmo rinunciare all’auto, alla casa, al servizio sanitario, alle medicine quasi gratuite, altro che i ristoranti pieni di B., gli apericena e i corsi di pilates della borghesia bene.
    Quelli non si rendono conto che sì, oggi mescoli africani al popolino a scarso reddito bianco, portando quest’ultimo all’estinzione, ma presto o tardi i neri guarderanno alla vera ciccia, alla ricchezza che hai tu borghesia.
    E’ ciò che sta accadendo, anche se lentamente, in Sudafrica, un vero e proprio laboratorio demografico sul futuro.
    All’inizio fu solo la classe bassa operaia e disoccupata bianca a dover ‘condividere’ ed ‘includere’ gli africani, ma oggi, sempre più, gli africani della classe dominante, ricchi, sia per ingordigia, sia per accontentare la loro base, la classe nera povera, guardano con cupidigia alle ricchezza dei bianchi benestanti. Per salvare una generazione di ricchezza, hanno condannato tutta la loro razza, discendenti diretti compresi. Un po’ come i babbei capitalisti senatori tardo romani, che per guardare al loro ‘particulare’ momentaneo, condannarono i loro discendenti al massacro e confisca totale al tempo dei longobardi.”

    ://voxnews.info/2022/11/05/la-sinistra-danese-manda-i-clandestini-in-africa/

    ”Torneremo Werner, abbi fede, abbiate fede patrioti d’Italia. Hanno provato ad annientare l’idea stessa d’Italia dopo la caduta del regno longobardo, il cui re era Rex Totius Italiae, Re di Tutta Italia, ma nonostante mille anni di tentativi non ci sono riusciti ed anzi […] essa è Risorta.
    E non importa se non vedremo compiersi i fatali destini nel corso delle nostre vite, generazioni su generazioni di italici hanno mantenuto accesa ed alta la fiaccola dell’italianità nonostante vivessero in tempi oscuri , vessati da tiranni e traditori interni e da potenze straniere che deturpavano con i loro eserciti le nostre contrade, l’uomo è mortale, ma non il suo spirito di libertà e giustizia.”

    ://voxnews.info/2020/05/28/trieste-istituisce-la-vera-festa-della-liberazione-dalloccupazione-slava/

    Sublime!

I commenti sono chiusi.