25 Aprile, oggi lo Stato celebra le Marocchinate: non c’è stata alcuna LiberaZione

Vox
Condividi!

L’unico Stato al mondo che celebra una guerra persa e l’occupazione che da allora non è mai finita. Se siamo ‘liberi’ dal 1943, come mai, da allora, sono presenti sul nostro territorio basi americane? Ordigni nucleari americani? Semplice: siamo una colonia. E questo celebrano i fantocci di Washington come Mattarella.

E’ stupefacente che un paese governato da un manipolo di mummie eterodirette da oscure élites finanziarie, si illuda di “festeggiare” un giorno che, alcuni ma non tutti, considerano di “liberazione” dalla dittatura.

Forse viviamo un’epoca democratica? Forse la nostra è democrazia? E’ “dittatura” solo quando il capo del governo si affaccia da un balcone indossando una divisa e non, quando la mezza figura d’un mediocre politicante deruba il popolo della propria identità, traghettando famelici clandestini nelle sue strade, nelle sue case? Quando decide di inviare armi ad un Paese straniero mentre la maggioranza del popolo è contraria?

Oggi, come ogni anno, si trascina la solita pantomima dei “liberatori” in doppiopetto gracchianti parole insulse e vuote. Stavolta non marceranno i “partigiani” che partigiani non sono mai stati, a meno di precoci e improbabili guerriglieri “novenni”. E, anche lì, dovremmo fare una bella selezione, prima di trovare veri soldati.

Col libretto rosso in mano, nel 2020 hanno cantato ‘Bella Ciao’ dai loro balconi. Per festeggiare una liberazione che non c’è mai stata.

Come ogni anno, le inutili parole di quel privilegiato che ignora la democrazia e vive sul colle più alto di Roma, attraverseranno l’etere per perdersi e non essere, da nessuno, ricordate.

I nuovi schiavi, senza tema di ridicolo, celebrano la festa della liberazione, in cattività. Schiavi delle banche, schiavi dell’euro, schiavi di poteri che neanche comprendono. Felici di stare al guinzaglio.

Festeggiano quando, invece, sarebbe tempo di combattere. Non di celebrare vuoti riti. Combattere, come avrebbero combattuto quei partigiani e quei fascisti che, in entrambi i casi, erano convinti di farlo per il bene dell’Italia.

Il 25 Aprile non è mai stata una festa, non si festeggia quando fratelli combattono i fratelli.

E il 25 Aprile non è mai stata una festa anche perché siamo usciti da una gabbia per entrare in una gabbia più grande e piena di luci, ma pur sempre una gabbia: quella “americana”. E dopo quasi un secolo, le basi dei “liberatori” sono ancora qui. I mafiosi che i hanno fatti sbarcare in Sicilia, escono dalle prigioni.

Almeno, nel 2019 potevamo celebrare la liberazione dai barconi. Visto che l’anno prima erano sbarcati mille clandestini vomitati in Italia da navi straniere:

Vox

Liberazione: nave tedesca scarica 403 clandestini a Catania

Nave portoghese scarica clandestini a Messina: sbarcati 500

Come tutti gli anni precedenti. Ora, invece, il business è ripreso. Anzi, con la Meloni è quadruplicato.

Ma una minoranza militante e iperattiva celebrerà questa data in cui dovremmo ricordare. E piangere. Non tanto o non solo perché non vi è stata alcune ‘liberazione’, a differenza di cosa racconta la vulgata da quasi un secolo, che ci riempie la testa di menzogne. Ma, soprattutto, perché i lutti più grandi, in Italia, non li hanno portati gli occupanti tedeschi, ma i liberatori alleati. E sia chiaro: gli occupanti tedeschi di lutti ne hanno portati.

VERIFICA LA NOTIZIA

Si potrebbe scrivere per ore sul numero delle vittime delle marocchinate. Gli stupri di massa delle truppe coloniali francesi, alle quali, addirittura, si è permesso di riposare in cimiteri italiani e alle quali si sono eretti monumenti di ringraziamento.

Le vittime furono migliaia: giovani, anziane, bambine e bambini. Non facevano discriminazioni i famigerati goumiers, le truppe coloniali francesi sotto lo sguardo soddisfatto dei liberatori. Lo stesso sguardo che, è bene ricordare, ebbero anche i franchisti durante gli stupri delle truppe coloniali spagnole contro le donne repubblicane.

Si potrebbe scrivere, dicevamo, per ore sulla striscia di sangue e miseria che hanno lasciato mentre ci ‘liberavano’. Ma basteranno le parole dello scrittore Frédéric Jacques Temple, allora soldato dell’esercito francese.

Scrive Temple in “Les Eaux mortes”: “Stesa sui cuscini sventrati, ancora giovane, con la gonna alzata fino al viso, un viso di cenere incorniciato da bei capelli neri. I neri, grandi e grossi, si lavoravano metodicamente quella donna aperta a forza, ora silenziosa e inerte, che aveva da molto tempo smesso di lamentarsi sotto le violente spinte. Nessuna tregua tra un uomo e l’altro. Erano più di cento, con i pantaloni abbassati e la verga in mano, in attesa del loro turno. Un ufficiale se ne stava vicino alla porta”.

Oggi non è cambiato molto. Solo che i liberatori li chiamano profughi. E gli ufficiali vicini alla porta sono i nostri politici. Oggi al governo.

E avete ancora l’ardire di chiamarla ‘liberazione’?

Nulla da festeggiare. Prepararsi, invece, a combattere.




9 pensieri su “25 Aprile, oggi lo Stato celebra le Marocchinate: non c’è stata alcuna LiberaZione”

  1. Vorrei davvero capire perché, da bravi tecnici e scienziati razionalisti, costoro rifiutano la realtà delle cose, rifiutano perfino di sentirne parlare, figuriamoci di confrontarsi.
    Per loro, semplicemente, non esiste il fenomeno.
    Gli italiani, e più in generale i bianchi nel mondo stanno diminuendo anno dopo anno, mentre i neri aumentano, sia dalle nostre parti, che nelle loro patrie?
    Nessun problema. Sono italianissimi, sono già europei anche se nascono a lagos, basta che si trasferiscano.
    Cosa non funziona nel loro cervello?

    Posso capire vogliano i negri e i meticci come società futura. Mi fa schifo, ma se uno mi dice: seguo il piano kalergi perché secondo me aveva ragione, secondo me è meglio così, perché mi conviene, o perché i bianchi hanno solo combinato danni (questo pensano), per quanto vorrei sputargli in faccia, almeno troverei una logica.
    Qui non c’è una logica, ci sono degli ebeti che dicono che tutto ciò non può accadere, come quando si credeva che, nonostante la caccia serrata, i bisonti non potessero mai ‘finire’, perché boh, forse uscivano già pronti dalle caverne delle montagne rocciose. Poi sono finiti davvero, a forza di collezionare monti di bucrani.

    ://voxnews.info/2023/04/18/migranti-lollobrigida-ce-rischio-di-sostituzione-etnica-schlein-e-a-favore/

    Perché durante questi folli, orrendi, vomitevoli dibattiti televisivi, in cui pullulano gli orchi italicidi, nessuno legge a stentorea voce, il colossale crimine, messo nero su bianco, dell’orco ausvizzatore italicida Eugenio Scalfari?
    È una prova inoppugnabile del progetto, pianificato a tavolino dagli orchi meticcionisti, dell’ausvizzazione d’Italia!

    Reggetevi fortissimo, perché qua gl’incandescenti deliri italicidi sono parossistici! disturbantissimi!
    Un groppo d’angoscia angustia l’anima del patriota!
    Le lacrime appannano la vista del patriota!
    In quale infernale abisso la tracotanza ci ha fatti precipitare?!
    ://mediasetinfinity.mediaset.it/video/quartarepubblica/puntata-del-24-aprile_F312336401001601
    Eugenio Scalfari e Sergio Mattarella sono l’incandescenza parossistica del furore italicida!

    È una vergogna orripilante che nessuno sia capace di replicare alle mostruose farneticazioni degli orchi italicidi!
    È un orrore nauseabondo che nessuno sia angustiato da una spaventosa smorfia di violento voltastomaco, di nauseato ribrezzo, mentre ascolta, dolente, le orribili farneticazioni degli orchi italicidi!
    È terrificante che nessuno definisca crudelmente folli e barbaramente italicidi i mostruosi deliri degli orchi islamizzatori!

  2. ”AVVERTENZA: non è ironico
    Paolo Mossetti
    «Ho letto da qualche parte che siamo l’unico paese al mondo che dice di aver vinto e festeggia una guerra che ha perso. Ma questo è ciò che rende speciale, unico e prezioso il 25 aprile italiano.»”
    ://twitter.com/AdrianoScianca/status/1650783636550045696
    25 aprile

I commenti sono chiusi.