Sostituzione Etnica, Giordano: “Ministri abbiano coraggio delle proprie idee”

Vox
Condividi!

Perfetto.

Vox




17 pensieri su “Sostituzione Etnica, Giordano: “Ministri abbiano coraggio delle proprie idee””

  1. Philippe Besson, scrittore chic amico di Macron tradotto in Italia da Guanda, dice che la “Grande sostitu zione sarà completa in 50 anni”. Molto più onesto della sinistra italiana per cui è ta bù anche solo nominare l’espressione
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1648581775101157377

    “La popolazione a sud del Sahara passerà da 1,1 miliardi a 2,2 miliardi nel 2050. Ciò significa che il Nord Africa, come l’Europa, ha visto finora solo l’inizio della migrazione”. Se non interessa la faida Lollobrigida-woke, si può leggere Stephen Smith, esperto francese di Africa, citato da Macron, autore di “Fuga in Europa” (Einaudi). Dice che ci sono solo tre alternative: “Eurafrica” (sostituzione etnica religiosa), “fortezza Europa” (ripristino dei confini) o “ritorno al protettorato” (rifarsi carico dell’Africa, ma per i woke siamo un fardello). “Se gli africani seguissero l’esempio dei messicani in USA la popolazione europea comprenderà un giorno dai 150 ai 200 milioni di afro-europei – contando gli immigrati ei loro figli”. Auguri, woke!
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1648711120650117121

    Orsa Jj4, l’Ordine dei veterinari contro l’eutanasia: “Nessun iscritto provochi la morte dell’animale”. Vorrei leggerlo sugli umani. Che strana civiltà
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1648773028459757568

    L’arcivescovo di Strasburgo Luc Ravel elevato da Papa Francesco: “I musulmani sono ben consapevoli del fatto che la loro fertilità è tale che oggi lo chiamano… Grande Sostitu zione, lo dicono in maniera pacata che ‘un giorno tutto questo sarà nostro’”. Nazi sta pure lui, mi sa
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1648783822002036742

    Suicidio demografico e immigrazione di massa. Chi abiterà l’Italia dopo gli italiani? Due fronti della stessa battaglia che possiamo vincere o scegliere di perdere (e stiamo perdendo). Il governo Meloni è stato eletto per dare risposte a una sola domanda: che Italia sarà quella dei nostri figli e nipoti? In questi giorni sono a Parigi, dove la risposta si può vedere a occhio nudo riflessa in una società che è stata con gli anni travolta da un cambiamento demografico-religioso senza precedenti nella storia d’Europa. Basta prendere la Ratp per Créteil. Sono soltanto venti minuti di treno dal centro di Parigi, ma è tutto un altro mondo: nordafricani, pakistani, tamil, siriani. E ti domandi: “Qual è il mio posto in questo ex paese di cultura giudaico-cristiana?”. Tra un secolo, coloro che scriveranno la storia della transizione demografica europea e italiana rimarranno sbalorditi dagli sforzi intellettuali investiti da coloro che l’hanno vissuta o giustificata per spiegare che non è mai avvenuta o accusare di “fascismo” chi dice cosa sta avvenendo. L’operazione logica è inarrestabile, persino geniale: se non esisti, e ancor di più se non sei mai esistito, non rischi di scomparire
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1649418243797286915

    Magistrale e perspicace patriota Giulio Meotti.

    ://www.byoblu.com/2023/04/19/orsobruno-19-aprile-2023-francesco-borgonovo/

    ://www.byoblu.com/2023/04/20/orsobruno-20-aprile-2023-francesco-borgonovo/

    Uno fumabit Europa tota rogo

    1. Francesco Borgonovo ha detto che Renaud Camus è ebreo, tuttavia non è vero.
      ://fr.wikipedia.org/wiki/Renaud_Camus

    2. Commento di Raffaele alla puntata del 20.
      21 Aprile 2023 alle 11:34
      Trovo giustissima l’osservazione (sul finire della puntata) a proposito dell’eccessiva timidezza del governo, troppo pronto a fare marcia indietro appena una certa sinistra lo taccia di razzismo, fascismo, ecc. ecc.

      Però questa timidezza non è propria solo del governo. La si ritrova nell’atteggiamento di autocensura di gran parte di coloro che si discostano dal cosiddetto “pensiero dominante” (soprattutto a destra). Quando non si arriva all’autocensura, si sminuiscono le proprie tesi, con concessioni e precisazioni non necessarie. […]

    3. Errore grossolano e colossale: la parola ”mostro” non dev’essere assolutamente pronunciata contro se stessi! soltanto contro gli ultraregressisti!
      Questi zuzzurelloni accettano la mostrificazione!
      È un’ironia masochistica! autosputtanante!
      Avete mai sentito un esponente di FdI o della Lega mostrificare i meticcionisti? Sono sempre su una tremebonda difensiva!
      Serve dura grinta! ardente!

      GIOVANNI DONZELLI: “ASCOLTATE, SUL MINISTRO LOLLOBRIGIDA ENNESIMO ATTACCO INSENSATO DELLA SINISTRA”
      ://youtu.be/lBGzGT4627E

      1. ://voxnews.info/2023/03/15/giordano-meloni-troppo-molle-sugli-immigrati/

        Beatrice è davvero brava e bella, con una naturale grazia e un naturale talento, ben coltivato. Però ha un imperdonabile difetto. Ha detto di credere nei valori di Dio, patria [Patria, colla p maiuscola!] e famiglia [Famiglia]; fu subito attaccata duramente nel nostro Paese, dalle boldrine furenti. […] Di recente ha persino accettato l’incarico di consigliere musicale del ministro dei Beni culturali. […] La dichiarazione più ardita che ho trovato di Beatrice Venezi non ha carattere politico, ma di principio, quando spiega che Dio patria e famiglia «sono valori alla base di tutte le società che hanno un indirizzo conservatore, non vedo niente di fascista nel dire che amo la mia patria, che amo visceralmente l’Italia […]». Per questa sua convinzione viene crocifissa come fascista ed estremista di destra. La controprova del suo fascio-estremismo è l’incarico assunto da pochi mesi: che non è quello di terrorista (in Francia, si sa, le sarebbe andata molto meglio se fosse stata brigatista rossa) o di orchestratrice dei Nuclei armati fascistoni, ma addirittura di consigliere musicale del governo Meloni. Un governo eletto democraticamente […] Ma per loro è la prova che Beatrice Venezi è camerata di estrema destra, armata di bacchetta contundente. […] La direzione del teatro di Limoges ha fatto sapere che quell’impegno era stato fissato due anni fa, quando la giovane «direttore d’orchestra» non era stata ancora additata come «esponente dell’estrema destra». Ma oggi che sanno l’atroce verità, lo rifarebbero?
        Marcello Veneziani, ”Orrore! Venezi crede in Dio e ama l’Italia. Il direttore d’orchestra, famosa in tutto il mondo, osa anche difendere la famiglia.”, La Verità, martedì 11 aprile 2023, pagina 7.

        Questa ironia è demenziale, è masochistica, è autodenigratoria! I patrioti devono ripudiare totalmente e convintissimamente la mostrificazione! l’orrendizzazione!

        1. Significa accettare parzialmente l’orridificazione! la demonizzazione!
          Bisogna prestare scrupolosissima attenzione alla parole!! nostre e altrui!

  2. ”Gli woke”

    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1648649964585644032

    Mischiare frasi diverse sotto il cappello della “difesa della razza”. Bella propaganda politica. E comunque il santo Fondatore non ha forse scritto che “si profila come fenomeno positivo il meti cciato che ringiovanisce la nostra popolazione, favorisce l’integrazione delle razze, delle religioni, della cultura, un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa e questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana”?
    ://twitter.com/giuliomeotti/status/1648568695218634754

I commenti sono chiusi.