Se il barcone di Oseghale fosse affondato, Pamela sarebbe ancora viva

Vox
Condividi!

C’è una riflessione da fare sul barcone affondato a largo di Crotone. Cinica, forse, ma crudamente realistica: se il barcone di Oseghale fosse affondato, Pamela sarebbe ancora viva. E Se i barconi dei tanti assassini, spacciatori e stupratori di italiani fossero affondati, tanti italiani sarebbero ancora vivi e felici. Invece che vittime dei crimini degli immigrati.

E’ una riflessione che va fatta. Certo, sui barconi ci sono anche persone che non vengono ad uccidere, stuprare e spacciare, ma solo a profittare del nostro stato sociale e della nostra accoglienza: ma la vita di uno dei nostri vale la vita di cento dei loro? Di mille dei loro? Per loro sarebbe così, basti andare nei loro paesi per vedere come trattano chi non è della loro razza.

Se Pamela fosse vostra figlia, avreste dubbi su chi scegliere? E Pamela è la figlia, sorella e fidanzata di tutti noi.

Noi, ovviamente, vorremmo solo che rimanessero a casa loro, non godiamo, come i buonisti, quando muoiono in mare. Sì, perché i ‘buoni’ godono quando i loro clandestini affondano.

Ogni volta, infatti, hanno un nuovo ‘barcone-feticcio’. Non fatevi fregare: è colpa loro, non nostra, e chi non parte non muore. Ci stanno invadendo.

I media di distrazione di massa si stanno scatenando col solito falso piagnisteo dei ‘migranti morti in mare’: come se li avessimo costretti noi, a pagare migliaia di euro per ‘fuggire’ dalla noia in Nigeria, Pakistan e altri paesi e imbarcarsi in Turchia. Pagando fino a diecimila euro.

Vox

Ma noi ce ne freghiamo. Noi siamo in lutto ogni qual volta un mezzo da sbarco carico di clandestini, meglio sarebbe definirli ‘invasori’, approda entro i nostri confini. E il lutto spesso si trasforma in totale disgusto per le immagini di presunti marinai tutti intenti a facilitare l’invasione.

E ancor più disgustosa era ed è la cronaca mediatica di questi eventi, quando si verifica un incidente e dei clandestini muoiono in mare.

Si vorrebbe scaricare la colpa sugli italiani o sull’Europa perché non sono stati abbastanza solerti nell’accoglienza. A nessuna delle menti poco eccelse del giornalismo italiano sfiora l’idea che qui, l’unica colpa, sia degli stessi clandestini: sono loro che si sono messi in viaggio, sono loro che hanno pagato l’equivalente di una piccola fortuna in termini occidentali per farlo. Sono loro che hanno fatto questo, violando la legge italiana o di altri paesi. Questa è gente che sa di non essere benvenuta né cercata, nei paesi nei quali è diretta, ma forza questi paesi all’accoglienza attraverso l’uso strumentale della pietà. E funziona.

Nei loro ‘carichi’, gli scafisti mettono sempre qualche donna – a proposito, ma non era ‘sessista’ definire la donna come ‘diversa’ dall’uomo? – e un gruppetto di bambini: come scudi umani. E i giornalisti sono sempre solerti a fare da megafono alla propaganda degli scafisti: “sono 300 ‘migranti’, tra loro anche donne e bambini”, è la frase tipo che accompagna ogni sbarco. Media che sono complici di questa invasione nel dare le notizie in ‘un certo modo’, nel nasconderne alcune, e nell’amplificarne altre.

Questa è gente che nel 99% dei casi, è stato dimostrato, non viene qui per fuggire da guerre, ma per spacciare o, al massimo, migliorare la propria posizione già ottima in patria: sennò non avrebbero i soldi per imbarcarsi. Legittimo per loro, dannoso per noi che dobbiamo mantenerli e subirne l’esportazione di crimini e degrado. Nonché l’effetto calmiere in un mercato del lavoro che certo, non ne ha bisogno.

Non esiste alcuna responsabilità dell’uomo bianco rispetto a tutto quello che accade nel Globo. Questa ‘megalomania’ che vede in noi la colpa di ogni mancanza negli altri, è alla radice del fenomeno masochistico dell’accoglienza. Accoglienza che, in estrema sintesi, rende queste stragi molto più probabili. E’ infatti il menefreghismo alla Boldrini che genera le tragedie: quando c’erano i respingimenti di Salvini, non moriva nessuno in mare, perché nemmeno più partivano. Capirono subito che non c’era più nessuna possibilità di guadagno, gli scafisti. Ma ora sono tornati i loro colleghi, gli scafisti ad honorem, e i clandestini hanno sentito il richiamo della foresta.

E ricordate sempre: se il barcone di Oseghale fosse affondato, Pamela sarebbe ancora viva. Se quello di Brahim non fosse arrivato, tre cristiani avrebbero ancora la testa sul collo.




2 pensieri su “Se il barcone di Oseghale fosse affondato, Pamela sarebbe ancora viva”

  1. La trovo una considerazione razionale, più che cinica. ricordo di aver visto un film, sono abbastanza sicuro fosse La zona morta, dove il medico ebreo del protagonista, il quale aveva ricevuto il dono di vedere alcuni eventi futuri, disse, in risposta ad una domanda dell’amico, che se lui avesse potuto prevedere l’olocausto, avrebbe ucciso Hitler ancora giovane.
    Ora, io credo che fare il processo alle intenzioni sia di per se imprudente, ma, sicuramente, se pensano che alcuni individui siano stati ‘il male assoluto’, e li avrebbero soppressi da piccoli per far trionfare il ‘bene’ (?), allora ciò dovrebbe valere per tutti. Ma purtroppo, non è così.
    C’è un manipolo di individui scollegati dalla realtà, vuoi perché non hanno cognizioni culturali adeguate per capire che dal barcone, poi te lo ritrovi all’incrocio della tua via, o nel tuo palazzo, o ti ritrovi dopo un paio di decenni i suoi figli e nipoti; oppure sono individui che sanno che non ci avranno a che fare, almeno finché viene mantenuta la pace.
    Ma quale pace? Una casta di ricchi e benestanti, sempre più ricchi, con i loro macinini elettrici, e le case unifamiliari ultra moderne, ad impatto zero, con domotica, solo per citare due cose che questi disperati (e tanti italiani poveri), non potranno mai avere, per quelli come noi, hanno in mente lo ‘sharing’, i beni condivisi, ed un po’ di sussidi di stato, poi ci si arrangi. Ma questo se forse andrà bene alle popolazioni invecchiate e stanche europee, certamente non andrà bene ai loro figliocci,che già guardano con cupidigia il benessere cui non possono arrivare.

  2. Sgarbi contro i magistrati corrotti, viene cacciato dall’aula
    ://youtu.be/eUbc1MglbLo

I commenti sono chiusi.