+500 clandestini a bordo, tre ONG straniere minacciano l’Italia

Vox
Condividi!

I clandestini a bordo delle Ong che da giorni navigano avanti e indietro davanti alle coste della Libia sono oltre 500, distribuiti su due navi:

Vox

Sì, perché le navi che operano in quel tratto di mare siano tre, solo due stanno prendendo a bordo i migranti: l’altra, la Louise Michel, sta lavorando come lancia di appoggio. I migranti si trovano a bordo della Geo Barents e della Humanity 1, che per il momento non hanno nessuna intenzione di lasciare le acque internazionali prospicienti la Libia.

Questo pomeriggio, la Humanity 1 ha viaggiato a ridosso delle acque territoriali libiche, raggiungendo la distanza minima a meno di 13 miglia dal confine marittimo del Paese nord-africano, con circa 250 persone a bordo. Ancora più vicina si è spinta la Louise Michel, che è arrivata a navigare a meno di 8 miglia dal confine delle acque territoriali libiche. Solo ieri, le due ong avevano dichiarato di essere state minacciate verbalmente dalle motovedette della guardia costiera del Paese africano e nel loro comportamento si potrebbe quasi evincere una provocazione nei confronti dei militari libici per cercare una reazione dalle motovedette che pattugliano le acque del Paese. La Humanity 1 ha dichiarato che le autorità di Malta e Italia, afferma la ong Sos Humanity, sono stati informate delle operazioni ma “non hanno adempiuto ai loro doveri di coordinamento”. Va sottolineato che tutti i soccorsi sono stati compiuti in area Sar libica, a poche miglia dal confine marittimo del Paese africano, dove infatti si trovavano, come dichiarato dalle stesse Ong, motovedette libiche.

VERIFICA LA NOTIZIA

La Geo Barents, almeno per il momento, si tiene a distanza più ampia dalle acque territoriali libiche ma non accenna comunque a invertire la rotta per chiedere un porto. La grande nave battente bandiera norvegese, da ore, segue una quasi regolare rotta a bastone, che la vede navigare nello stesso quadrante davanti alle coste libiche nell’area di Tripoli. Inspiegabile, a meno di non ammettere che abbiano appuntamenti con gli scafisti, come mai abbia eletto quella zona, quel che è certo è che con 250 persone a bordo, che a detta loro sono stremate dal viaggio, le ragioni umanitarie dovrebbero spingerli a cercare di raggiungere la vicina Tunisia, dove le stesse navi hanno passato giorni prima di riprendere il loro traffico.

Da domenica, infatti, la Geo Barents effettua il pattugliamento con i clandestini a bordo, quelle stesse che non appena arriveranno davanti al confine di un qualunque Paese europeo (che con ragionevole sicurezza sarà l’Italia), verranno dichiarate in condizioni non compatibili alla navigazione e verrà per loro preteso un porto nel nostro Paese.

Il motivo? Perché sia conveniente il viaggio deve essere pieno carico.

Un discorso che vale anche per la Humanity 1. Entrambe stanno trattenendo in mare oltre 250 scrocconi, invece di fare in modo di arrivare in un porto tunisino.




4 pensieri su “+500 clandestini a bordo, tre ONG straniere minacciano l’Italia”

  1. Dov’è la marina militare? In fondo non mi sento di prendermela con la Meloni, è una furba, che può dissimulare il suo vero pensiero, ma non può agire. Guardate il casino per una cazzatina come i pos e il limite del contante. Un disposizione che non merita nemmeno il nome di legge, la potrebbe fare un dirigente come mero atto amministrativo, e invece se ne discute come di un atto di lesa maestà dei tecnocrati economici.
    Lo dico da indifferente alla questione, ritenendo che il contante abbia pro, ma anche contro. In ogni caso la ritengo una cosa davvero dappoco. Questo però ci dice chiaramente che se le decisioni dovessero essere veramente incisive, come l’uso delle forze armate, per qualsiasi ragione che non fosse ordinata dai piani ben più alti di palazzo Chigi, si rischierebbe seriamente.
    Al giorno d’oggi poi bastano un morto o due, magari procurati durante disordini, per tacciare un governo di ‘tirannia’. Ovviamente solo certi governi, non sia mai che i morti di Capital Hill siano stati ammazzati impunemente, ad esempio, lì han fatto bene, eh sì.

    1. Perché Salvini non ha ancora ordinato alla guardia negriera di cessare di raccattare gl’invasori?
      Perché quello zuzzurullone del ministro della cosiddetta difesa non ha ancora convocato gli stati maggiori delle Forze armate?
      Se hanno paura, cambino mestiere.
      All’Italia servono patrioti duri e puri.

    2. L’Italia è afflitta da una terrificante penuria uirorum.
      Abbiamo un governo-checca.
      Pensano veramente di andare avanti così per cinque anni?

I commenti sono chiusi.