Ammiraglio De Felice: “Fermiamo l’invasione con un blocco navale”

Vox
Condividi!

Martedì 6 dicembre alle ore 17, presso la Sala del Cenacolo in Piazza Campo Marzio 42, si terrà la presentazione del libro “Fermare l’invasione, le ragioni del blocco navale” (Herald editore), scritto dall’ammiraglio Nicola De Felice.

“Il libro è scritto con la mente e con il cuore – dichiara l’ammiraglio De Felice – nasce dopo aver vissuto in prima persona, come coordinatore, la tragica esperienza ad Augusta del 2015, quando recuperammo le 900 salme vittime del naufragio di un barcone”.

Vox

“La tratta degli esseri umani e la discendente immigrazione illegale favoriscono la schiavitù moderna. La persona che arriva sulle coste europee è un essere invisibile, non tutelato, facilmente assorbito dal mondo della droga e della prostituzione, schiavo per debito, lavoratore forzato, accattone in città, pedina terroristica”.

Nei capitoli, un’ampia riflessione è dedicata al neoliberismo, responsabile di “favorire l’immigrazione di massa per azzerare le distanze tra la manodopera a basso costo ed il mercato occidentale”.

De Felice propone idee e soluzioni che aiutano a combattere la schiavitù moderna coinvolgendo l’Ue che non può affrontare il problema “tamquam non essent”, ma deve comprendere che esso è collettivo e che la “politica dello struzzo” non è vincente, pena l’invasione dell’Europa intera. Non si risolve il problema davanti ai confini d’Europa, lasciando incrementare le morti in mare, ma occorre attivare – in parallelo ai Decreti sicurezza – un’interdizione navale dei porti di partenza tesa a colpire i traffici illeciti, a ridurre il flusso migratorio clandestino nonché il ritorno di Al-Qaeda.




2 pensieri su “Ammiraglio De Felice: “Fermiamo l’invasione con un blocco navale””

  1. no basta “iskandizzare” fanfake repubblica lstampa raygaynews che propagandano odio russofobico e bufale e l’invasione passa al largo

  2. Poche parole ma ben confuse. Soliti discorsi per dare aria alla bocca. Se non lo fanno loro un colpo di stato che hanno le armi chi lo deve fare

I commenti sono chiusi.