AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Bimba italiana stuprata a sangue dal patrigno tunisino: bullizzata dai fratellastri perché italiana

Vox
Condividi!

Su questa notizia di mesi fa:

Bambina italiana stuprata da famiglia islamica e costretta a recitare il corano

Vox

Ha confermato tutti gli abusi sessuali, terribili, subiti dal patrigno TUNISINO, il contesto di degrado di quella famiglia dove giravano anche stupefacenti, la DRAMMATICA parentesi di residenza in Tunisia durante la quale veniva bullizzata e discriminata dai coetanei perché “italiana”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ha risposto con precisione a tutte le domande del giudice Andrea Galanti la 15enne vittima di violenza sessuale quando di anni ne aveva appena 9. La ragazza è stata sentita con la formula dell’incidente probatorio, collegata attraverso un video, chiuso ieri e che ora consentirà al pubblico ministero Cristina D’Aniello di esercitare l’azione penale nei confronti del patrigno 35enne – tutelato dall’avvocato Cecilia Scalambra –, attualmente in carcere a Bologna per questi fatti nonché per altri reati, nonché della madre – difesa dall’avvocato Sandra Vannucci –, a sua volta indagata per maltrattamenti ma anche per non avere impedito le violenze sessuali del convivente.

La vittima, ora affidata ai servizi sociali di Ravenna in qualità di curatori speciali, è tutelata dall’avvocato Christian Biserni. I fatti sono collocati tra gli anni 2014 e 2015.

Il procedimento era nato dalla segnalazione inoltrata alla Procura nel febbraio 2021 da parte dell’assistente sociale che da due anni aveva in carico la minore e cui aveva raccontato una dolorosa parentesi della sua giovane vita. Aprendosi con l’operatrice, aveva riferito gli abusi sessuali subiti per mano del nordafricano, all’epoca compagno della madre. Quando ancora non aveva nove anni il patrigno la guardava con insistenza, poi dalle carezze e palpeggiamenti lo stesso era arrivato ad abusarne sessualmente, con una frequenza di circa due volte al mese. L’uomo aveva cessato gli stupri dopo che lei, in una circostanza, aveva accusato sanguinamento.




2 pensieri su “Bimba italiana stuprata a sangue dal patrigno tunisino: bullizzata dai fratellastri perché italiana”

  1. Che schifo ed ancora più schifoso é il comportamento di quella meretrice di sua madre. Ovviamente nessuno di inginocchia e soprattutto i musulmani (Im) moderati, non dicono nulla. Boldrini anziché manifestare contro il velo imposto in iran, manifesti contro il velo di omertà che c’è qua.

  2. Finché ci saranno donne italiane che si accoppiano con afroislamici questi saranno i risultati.
    Andare con un magrebino significa andarsela a cercare o ti tratta male, o ti sgozza o ti tromba la figlia.
    Chissà se adesso, la signora, ha imparato la lezione?

I commenti sono chiusi.