AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Dadone (M5s): “in Italia servono STANZE DEL BUCO dove drogarsi liberamente”

Vox
Condividi!

I grillini propongono le stanze del buco dove i drogati possano drogarsi e magari essere poi direttamente liofilizzati e infine bruciati nei forni così da non turbare con la loro presenza i radical chic delle ZTL.

La nostra visione è opposta: i drogati non vanno assecondati, vanno curati, anche contro la loro volontà, perché non hanno volontà quando sono schiavi della droga. Quindi vanno curati grandi campi di lavoro dove il drogato – compreso il fottuto cocainomane radical chic – siano obbligati a lavorare dall’alba al tramonto fino alla completa disintossicazione.

Per gli spacciatori, ovviamente, la cura è una sola: la morte. Lo Stato deve favorire la presenza di milizie popolari con licenza di uccidere.

VERIFICA LA NOTIZIA

Vox

“Fin dalla conferenza di Genova c’è stata una grande discussione relativa alle innovazioni necessarie per quanto riguarda i servizi di limitazione dei rischi e riduzione del danno.
Il nostro Paese da questo punto di vista non è fra i più aggiornati e anche attraverso il confronto con gli esperti dell’Emcdda che hanno preso parte ai lavori del Pand è emerso forte il bisogno di sperimentare l’efficacia di alcune tipologie di servizi ad oggi poco presenti o del tutto assenti: drug checking e sperimentazioni delle stanze del consumo, fanno parte delle proposte emerse. Un approccio al tema del consumo tra medico e culturale che è presente in realtà come Svizzera, Germania, Spagna, Francia, Paesi Bassi o in Norvegia”.

A dirlo è Fabiana Dadone la ministra alle Politiche Giovanili con delega alle politiche antidroga parlando del nuovo Piano di Azione Nazionale Dipendenze 2022-2025, (Pand), messo all’ordine del giorno della Conferenza Unificata in programma il 12 ottobre.

Che disdetta, non siamo “aggiornati”.




4 pensieri su “Dadone (M5s): “in Italia servono STANZE DEL BUCO dove drogarsi liberamente””

  1. Concordo con l’articolo, a parte la pena di morte per gli spacciatori, che li metterei in galera a vita a fare lavori forzati. Chi ha proposto questa porcata, odia la vita e se sapesse cosa vuol dire avere persone in casa, od essere dei drogati, gli consiglierei di autoespelletsi dall’Italia.

I commenti sono chiusi.