AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

🚨Elezioni, 007 italiani: “False informazioni diffuse da siti americani contro la destra prima del voto”

Vox
Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La “guerra dell’informazione” avrebbe colpito anche le elezioni italiane. E’ l’allarme lanciato dai Servizi che, a quanto scrive l’Adnkronos, hanno riscontrato anomalie nella diffusione di articoli tesi a orientare il voto, attraverso la divulgazione coordinata di informazioni finalizzate a screditare la coalizione di destra.

Vox

Quindi non ‘ha stato Putin’. Quindi mentre si vaneggiava di influenze russe, la macchina della propaganda anglosassone tentava di inquinare le elezioni italiane. Perché i Servizi non l’hanno reso noto prima del voto?

Fra gli altri, il monitoraggio degli 007 fa riferimento in particolare a due articoli in inglese contenenti messaggi di orientamento politico pubblicati nella settimana precedente il voto. L’anomalia sarebbe rappresentata dalla diffusione simultanea di articoli con contenuti analoghi su decine di siti di testate giornalistiche di prima e seconda linea con domini internazionali, che, a parere dei Servizi, sembrerebbe essere in linea con azioni pianificate e coordinate condotte, nell’ambito della ‘guerra dell’informazione’, da società specializzate nella promozione di contenuti online attraverso network di asset distribuiti in varie aree geografiche e utilizzate da Stati o privati. Una metodologia di diffusione che potrebbe rappresentare una nuova strategia adottata da possibili attori di campagne di influenza.




4 pensieri su “🚨Elezioni, 007 italiani: “False informazioni diffuse da siti americani contro la destra prima del voto””

    1. Egemonia inscalfita per colpa della nostra inerzia.

      Non vi è nulla di più pericoloso dell’eloquenza dei malvagi.

      Noi Patrioti dobbiamo riscoprire la Potenza della Parola.

      Chi sceglie le note, decide la musica.

      Usare il lessico dei «RE»gressisti, equivale ad accettare, almeno parzialmente, le loro perversioni.
      Non solo dobbiamo rigettarle, dobbiamo negarne la liceità.

I commenti sono chiusi.