AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Malta, raid anti-clandestini: rastrellamenti di immigrati, li vogliamo anche in Italia

Vox
Condividi!

La polizia maltese supportata da agenti del Detention Service ha compiuto stamani il quinto raid contro i migranti clandestini organizzato in poco più di un mese nelle zone a più alta densità multietnica del paese.

Oggi sono stati 25 gli arresti di persone provenienti da India, Bangladesh, Siria e Colombia compiuti nelle località di Paola e Fgura, che vanno ad aggiungersi alle operazioni compiute a Marsa (27 arresti ai primi di agosto, altri 49 la scorsa settimana), Gozo (24 fermati il 21 agosto) e Hamrun (40 arrestati il 16 settembre) per un totale di 165.

Vox

Li vogliamo anche in Italia. In proporzione sarebbero migliaia di arresti: basta rastrellare Castel Volturno per accalappiarne decine di migliaia. Circondi la zona con l’esercito, oggi impegnato in stupide missioni in giro per il mondo, e risolvi il problema. Almeno La Russa può divertirsi anche lui.

Il ministro dell’Interno, Byron Camilleri, ha annunciato che sono in programma ulteriori ispezioni tanto a Malta quanto a Gozo. “E’ in questo modo – ha dichiarato – che le autorità continuano a combattere la questione dell’immigrazione illegale nell’ambito di una strategia fatta di prevenzioni, ritorni e ricollocazioni”. Camilleri ha specificato che le persone arrestate verranno rispedite nei paesi di provenienza.




3 pensieri su “Malta, raid anti-clandestini: rastrellamenti di immigrati, li vogliamo anche in Italia”

  1. Sognate sognate
    i rallentamenti non avverranno mai e poi mai.
    ritornasse il Fascismo allora si
    le CAMICE NERE farebbero pulizie come accalappiacani

    1. Non dubiti che i Commissari del Popolo di Dzerdzinsky & C. farebbero un eccellente lavoro, visto che ogni settimana partivano convogli merci, carichi di ‘nemici del popolo’. Perche’ dico questo? Perche’ i giornalai di regime sono riusciti a far passare l’equazione “repressione = fascismo”; “autoritarismo = fascismo”, etc.
      In effetti, secondo una scuola di pensiero, quando ci si trova davanti ad azioni repressive, sono confodotte da fascisti che si fingono ‘di sinistra’; si veda la reclusione biennale per persone sane.

      1. Giustissima osservazione. E attenzione al futuro: proprio per questo motivo Giorgia è lì solo per inchiappettarsi la gente come me.

I commenti sono chiusi.