AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Italiana diventa schiava sessuale di nigeriano: costretta ad orge con 5 africani per volta

Vox
Condividi!

Il problema non sono gli individui deviati, che sempre ci sono stati, è la società che non li riporta più – con le buone o le cattive – sulla retta via. E’ la retta via che dobbiamo ritrovare: con le buone, se possibile, con le cattive, se necessario.

Sinceramente: con le cattive ci divertirà di più.

Obbligava la convivente a partecipare a delle orge con alcuni extracomunitari per più volte al mese. E quando la donna si rifiutava, lui la picchiava. Un cittadino nigeriano, residente a Galatina, è finito sotto processo con le accuse di violenza sessuale aggravata “perché commesso da soggetto legato da relazione affettiva con la vittima”. A stabilire il rinvio a giudizio è stato il giudice per l’udienza preliminare Angelo Zizzari. L’inizio dell’istruttoria è fissato per il 7 dicembre davanti ai giudici della prima sezione penale. In aula sarà presente anche la persona offesa costituitasi parte civile con l’avvocato Angelo Vetrugno. E dire che l’uomo è stato già condannato per i presunti maltrattamenti ai danni della ex compagna ma durante il processo sono emersi gli abusi che hanno convinto la pm Francesca Miglietta a chiedere un nuovo processo per il nigeriano.

Obbligava La Convivente A Delle Orge Con 4/5 Extracomunitari Alla Volta: A Processo Nigeriano

Vox

La donna, secondo le indagini condotte dagli agenti di polizia, era obbligata a soddisfare le perversioni dl suo compagno. Un incubo iniziato a marzo e concluso a giugno dello scorso anno. Tre mesi in cui la donna avrebbe partecipato a delle orge organizzate dal convivente a cui partecipavano 4/5 extracomunitari. E queste squallide ammucchiate si sarebbero ripetute per almeno cinque volte prima che la donna decidesse di ribellarsi e di denunciare l’uomo che la teneva sotto scacco. Perché quando si rifiutava di avere rapporti veniva picchiata.
Nei mesi scorsi, l’uomo è stato condannato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia aggravati. Schiaffi e mani al collo della donna; minacce di portare con sé la figlia in Africa se la convivente (salentina) non avesse trovato un lavoro stabile. Un clima di autentico terrore instaurato in casa tanto che la donna è stata costretta a trasferirsi in un centro antiviolenza. Poi sono spuntati gli abusi e una nuova indagine a carico dell’uomo difeso dall’avvocato Diego Cisternino.

In un mondo normale – ovvero fino a trenta anni fa – una salentina non finisce con un nigeriano. Per quanto disperata e deficiente sia, la società glielo avrebbe impedito. Come avrebbe impedito a due omo di ordinare bambini online.

Un tempo, i malati di mente venivano curati e sterilizzati: oggi vagano liberi e disperati. Un danno per loro e per il nostro futuro.

Ci siamo adeguati a cose che farebbero inorridire i nostri avi. A donne italiane sbattute da orde di africani. Che ne diventano le schiave. E tutto questo non crea scandalo a livello mediatico perché a livello mediatico i giornalisti sono più pervertiti del nigeriano.

Facciamo nostre le parole di Mao: “Bombardare il quartier generale”. All’Europa serve una rivoluzione culturale che deve iniziare dalla derattizzazione sistematica del Palazzo.

E del sistema mediatico. Che, insieme alla magistratura corrotta ideologicamente, è il vero cancro di questo Paese.




5 pensieri su “Italiana diventa schiava sessuale di nigeriano: costretta ad orge con 5 africani per volta”

  1. Ma infatti penso questo, che quando un ne(g)ro riesce a impossessarsi di una bianca, è con quest’ultima che fondamentalmente dobbiamo avercela di più a morte. Perché gli dà confidenza e gli allarga le cosce. Questa però è una libertà che gli ha concesso il Sistema, in quanto se sapesse che farsi negrificare comporta delle conseguenze sul piano sociale, con l’emarginazione, non lo farebbe nessuna. E invece nessuno ci fa più caso, alla maggioranza della popolazione maschile nostrana non dà alcun fastidio, per cui si fanno negrificare tranquillamente.

    Abbiamo perso l’onore e la dignità come popolo, come stirpe. Altrimenti non permetteremo i rapporti interrazziali, soprattutto quelli tra un ne(g)ro ed una bianca. Invece amiamo farci umiliare, per giunta da esseri inferiori a noi sotto ogni aspetto. Siamo davvero ridotti malissimo.

  2. Putroppo caro Warner ci suono uomini superiori ed uomini inferiori.Questi ultimi hanno le mani legate dalle leggi e dalla magistratura.

I commenti sono chiusi.