Ragazza stuprata da 22 pakistani muore in strada

Vox
Condividi!

Una ragazza è morta dopo essere stata ripetutamente violentata da un branco di 22 pakistani. È successo in Pakistan dove la donna è stata trascinata a forza in una fabbrica, stuprata per tutta la notte da ventidue pakistani e poi abbandonata fuori dall’edificio, dove è morta la mattina dopo.

VERIFICA LA NOTIZIA

È accaduto a Karachi, la megalopoli costiera capitale economica del Paese, in uno stabilimento che produce capi d’abbigliamento jeans per la multinazionale Artistic Milliners.

La polizia, come in Italia accade con le autorità che bloccano le diffusione dei video, nega che lo stupro sia mai avvenuto e parla di «fake news» per insabbiare il caso.

Vox

Il giornalista e avvocato Mian Dawood scrive su Twitter: «Dov’è la dichiarazione della vittima? Dov’è il referto medico della vittima? Dov’è il campione inviato per il test forense? Questa lettera (la dichiarazione della polizia, ndr) è solo un tentativo di sabotare i casi di stupro come la polizia in Pakistan fa con ogni caso».

Il dramma è che noi li portiamo in Italia. E fanno lo stesso qui e nel resto d’Europa: sono loro i protagonisti degli stupri etnici in Inghilterra. Che hanno esattamente lo stesso filo rosso.




3 pensieri su “Ragazza stuprata da 22 pakistani muore in strada”

    1. Ti seghi guardando lo supro collettivo di una ragazza che poi é morta ? Vai vedere uno psichiatra ragazzo, lo dico per il tuo bene.

  1. Il video di uno stupro non è mai eccitante😠 piuttosto o video Andrbbero mandatia lady boldrini a vedere se capisce cosa “certi stili di vita” portano. Più onore e meno folclore.

I commenti sono chiusi.