AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

L’assalto dei 1.000 afroislamici contro l’Italia, ecco l’Ong finanziata dai musulmani – FOTO

Vox
Condividi!

Non si arrestano gli sbarchi. Nelle ultime ore sono arrivati nei porti italiani oltre mille clandestini mentre le ong straniere molestano i porti italiani cariche di invasori.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Frontiere colabrodo, purtroppo l’Italia è lo zimbello d’Europa”, ha commentato pochi giorni fa Matteo Salvini.

Nella giornata di ieri, sono stati condotti a Pozzallo, nel ragusano, i clandestini per cui il radiotaxi degli scafisti fondato da un noto spacciatore africano, Alarm Phone, aveva lanciato l’sos domenica scorsa e sono, invece, sbarcati a Lampedusa i 70 clandestini, segnalati in zona Sar maltese, sempre da Alarm Phone.

Nella giornata di Ferragosto, le unità del Gan di Taranto e Messina e del Roan di Vibo Valentia hanno intercettato quattro imbarcazioni con a bordo complessivamente circa 350 invasori. Poche ore dopo, lungo la fascia costiera jonica della provincia di Reggio Calabria, esattamente nella frazione Spropoli del comune di Palizzi, settantaquattro energumeni islamici si sono lanciati sulla spiaggia piena di bagnanti.

Nel tardo pomeriggio di ieri, invece, oltre 500 scrocconi a bordo di un motopesca partito dalla Cirenaica sono stati intercettati dagli scafisti di Stato. Una parte di loro è stata portata a Messina, un’altra parte a Roccella Ionica. Sono stati individuati ad oltre 50 miglia di distanza dalla costa calabrese a bordo di un peschereccio.

E questa notte sono ripresi anche gli arrivi a Lampedusa, dove nell’hotspot, con gli ultimi 20 sbarcati stanotte, si trovano nuovamente oltre 400 scrocconi. Nonostante le centinaia trasferiti da navi militari e di linea nelle città italiane su mandato della Lamorgese. Agente viaggi degli scafisti.

La nuova nave dell’ong catalana Open Arms, finanziati dagli estremisti islamici, ha portato a bordo 101 invasori nella sua prima operazione nel mar Mediterraneo. Nei prossimi giorni è probabile che la grande nave, dotata anche di un ospedale al suo interno, faccia rotta verso l’Italia invece che tornare in Spagna da dove è partita, per chiedere un porto di sbarco nel nostro Paese.

E’ una guerra. E’ terrorismo. Deve finire.