AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Il calciatore africano Mendy ha stuprato tre donne in una notte: nella sua villa una stanza degli stupri

Vox
Condividi!

Ricchi o poveri, clandestini o ‘integrati’ non cambia, è la natura che conta.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il giocatore africano del Manchester City, Benjamin Mendy, è sotto processo al Chester Crown Court in Inghilterra per otto capi di imputazione per stupro e aggressione sessuale avvenuti tra il 2018 e il 2021. Il Times ha svelato alcuni dettagli del caso, durante il processo la corte è stata informata che Mendy ha violentato tre donne in una notte dopo una festa in piscina nella sua isolata dimora.

L’africano è stato descritto come un “predatore sessuale” che “ha mostrato indifferenza e insensibilità” nei confronti delle sue vittime.

Durante il processo Mendy è stato accusato di aver rinchiuso molte delle sue vittime in una stanza degli stupri, una specie di “panic room” presente nella villa del calciatore a Mottram St Andrew.




3 pensieri su “Il calciatore africano Mendy ha stuprato tre donne in una notte: nella sua villa una stanza degli stupri”

  1. Il calcio odierno è uno strumento del sistema;
    oltre a promuovere le società multitutto, raccoglie una fetta di popolazione amata dal poter : il fior fiore dell’italozia.

    1. E stranamente le donne violentate da costui sono tutte bianche, c’è ne fosse una nera e invece niente…

      1. A livello inconscio conoscono il razzismo dei loro padroni aschenaziti che li considerano al di sotto della bestia da soma.
        Per questo vedono la donna bianca come un miraggio da acchiappare.
        Un qualcosa della stessa razza dei padroni da toccare(e magari sfregiare).

I commenti sono chiusi.