AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Scafisti chiamano e l’Italia li va a prendere a Malta: 600 scrocconi nell’hotspot di Lampedusa

Vox
Condividi!

Su questa notizia:

Sbarchi a raffica: presto in arrivo nelle vostre città

In poche ore sono 238 i clandestini arrivati a Lampedusa con 9 diverse imbarcazioni. A bordo delle carrette del mare, che sono state intercettate al largo dalle motovedette della guardia costiera e della guardia di finanza, c’erano da un minimo di 14 ad un massimo di 53 migranti. All’arrivo dei militari la maggior parte di questi ha dichiarato di essere tunisino. Per il secondo giorno di seguito sono stati oltre 100 i migranti che hanno toccato le coste di Lampedusa. Nella sola giornata di ieri, gli approdi sull’isola sono stati 10, per un totale di 161 persone. All’hotspot, che ieri a metà mattinata ospitava 299 persone, adesso ci sono quasi 600 migranti. Tra le persone che sono arrivate ieri a Lampedusa ce ne sono anche 40 che sono state recuperati dalla guardia costiera dopo un abbordaggio fallito dall’imbarcazione Astral di Open Arms su un barchino, che durante le operazioni si è rovesciato.

VERIFICA LA NOTIZIA

Da giorni sono ripresi anche gli sbarchi in Calabria. Questa mattina, una barca a vela carica di migranti è stata intercettata dalla Guardia di Finanza, a circa 3,5 miglia da Punta Stilo, Reggio Calabria, e scortata nel porto di Roccella Jonica. I migranti sono stati controllati e successivamente trasferiti nel vicino hotspot ma le successive attività di polizia giudiziaria, coordinate dalla Procura della Repubblica di Locri e condotte dai militari della sezione operativa navale di Roccella Jonica, con la collaborazione del commissariato di Siderno, hanno permesso di individuare e sottoporre a fermo due presunti trafficanti di persone di origine turca.

Vox

Sono, invece, stati trasferiti ad Augusta 32 clandestini che erano stati individuati in zona Sar maltese dopo avere telefonato al servizio taxi degli scafisti Alarm Phone. “Siamo sollevati di sapere che sono state soccorse dopo tante ore di mancata assistenza da parte degli attori statali”, dice la gang fondata dal prete spacciatore.

Siamo abituati:

Malta espelle in Italia gli stupratori di cavalli: “Noi non li vogliamo”




Un pensiero su “Scafisti chiamano e l’Italia li va a prendere a Malta: 600 scrocconi nell’hotspot di Lampedusa”

I commenti sono chiusi.