AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Letta paragona gli scrocconi dei barconi ai minatori italiani morti a Marcinelle

Vox
Condividi!

Anche quest’anno il Pd riesce nella vergognosa bufala di paragonare i nostri lavoratori morti agli scrocconi dei barconi:

Domani ricorre il 65esimo anniversario della strage di Marcinelle in Belgio, in cui persero la vita 262 minatori, di cui 136 italiani. Ci ricorda un’epoca in cui tanti sono emigrati in condizioni durissime in cerca di speranza e dignità. Nulla a che vedere con gli immigrati che oggi infestano le città italiane. Tra clandestini, spacciatori e scrocconi:

L’invasione degli scrocconi: solo il 5% degli immigrati viene in Italia a lavorare

Vox

FACCIAMO PARLARE LE IMMAGINI:

COMPARAZIONI

PROFUGHI

Era l’8 agosto del 1956 quando 262 uomini, tra cui ben 136 italiani, morirono intrappolati nella miniera di Marcinelle, in Belgio. È una delle più grandi tragedie del lavoro che la storia ricordi. I minatori in attività erano 274: solo in 12 uscirono vivi. Tutti gli altri morirono: oltre ai 136 italiani, 95 belgi, otto polacchi, sei greci, cinque tedeschi, cinque francesi, tre ungheresi, un inglese, un olandese, un russo e un ucraino.

Ancora oggi – come dimostra Letta – qualcuno ha il coraggio di paragonare quegli italiani, emigrati per migliorare la loro condizione e quella della Nazione che li ospitava, a chi sbarca illegalmente ogni giorno in Italia o viene a scroccare coi ricongiungimenti familiari, pretendendo solo diritti (col benestare e il supporto dello stesso Letta) e formando baby gang. Noi continuiamo a rendere onore a quelle vittime, simbolo del sacrificio dei lavoratori italiani nel mondo. E vogliamo riportarli a casa.