AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Africano accoltella al cuore parrucchiere a Pisa: morto sul colpo

Vox
Condividi!

Nordafricano sgozza nordafricano a Pisa. Zona stazione. Le stazioni delle città italiane, anche quelle piccole, sono diventate delle fogne afroislamiche.

La soluzione è solo una: rastrellamenti militari di afroislamici e rimpatri immediati con aerei militari. Se i loro Paesi non li rivogliono, li si scarica dove capita.

Un’unica coltellata sul petto, poi non ha avuto neanche il tempo di urlare. Un cittadino marocchino di 32 anni, parrucchiere in un locale poco distante dalla stazione di Pisa, è morto nel pomeriggio di oggi domenica 7 agosto dopo essere stato aggredito sulla porta del suo locale. A colpirlo un trentenne tunisino, che si è consegnato poco dopo ai carabinieri e per cui sono scattate le manette. Ancora si attendono altre verifiche per risalire al movente, così come per ricavare una precisa dinamica: il corpo è intanto finito all’istituto di medicina legale, dove nei prossimi giorni sarà eseguita l’autopsia.

Africano accoltella al cuore parrucchiere a Pisa

Vox

L’allarme intorno alle 17, quando in strada hanno iniziato a risuonare le urla dei passanti per quell’uomo riverso a terra in una pozza di sangue. Sul posto, oltre ai sanitari inviati dalla centrale dei soccorsi, i carabinieri del comando provinciale. Da un breve giro di testimonianze gli investigatori hanno raccolto i primi scampoli di ricostruzione: tra i due ci sarebbe stata una lite sfociata in una colluttazione, poi l’aggressore avrebbe estratto un coltello affondando la lama sul petto del rivale. I soccorsi sono stati immediati, ma i tentativi di rianimazione non hanno avuto successo. “L’episodio ci lascia costernati, nella zona della stazione serve un presidio fisso interforze che faccia controlli mirati ogni giorno – commenta a caldo il sindaco di Pisa, Michele Conti- Ho chiesto più volte di intervenire a questore e prefetto, ma sono rimasto inascoltato, come tanti cittadini che segnalano e chiedono maggiore attenzione”. E ancora: “Alla polizia municipale non può essere delegata, da sola, questa funzione. Si pensi che a un anno dalla nascita del Nucleo operativo sicurezza urbana, sono stati eseguiti 80 arresti in flagranza, dei quali circa la metà nella zona della stazione”.

L’unico lavoro dei prefetti è trovare hotel dove piazzare chi sbarca a Lampedusa. Lo Stato italiano è da ricostruire, la Costituzione è da riscrivere.

‘Parrucchiere marocchino’: questa è sostituzione etnica.

Un uomo è morto dopo essere stato accoltellato questo pomeriggio dopo le 17 a Pisa.

Il suo presunto aggressore, si è consegnato poco più tardi ai carabinieri raggiungendo spontaneamente il comando provinciale: si tratta di un tunisino di circa 30 anni già noto alle forze dell’ordine.

La vittima è un uomo originario del Marocco, di professione parrucchiere, ucciso nei pressi del suo negozio, vicino alla stazione ferroviaria. L’uomo è stato raggiunto da una sola coltellata sul lato destro del petto ed è praticamente morto sul colpo.




4 pensieri su “Africano accoltella al cuore parrucchiere a Pisa: morto sul colpo”

  1. Magari era uno dei pochi che rispettava le leggi e lavorava onestamente. Se importi ed impianti gente straniera a tutto,, modi civili compresi, purtroppo tra di loro nascono le faide ed ammazzarsi tra loro e o gli occidentali è la medesima cosa. Tutti i clandestini vanno rimpatriati ed anche chi è regolare, se commette reati, punito per quello che la legge dice, come se fosse un vero italiano.

I commenti sono chiusi.