Lamorgese esulta: ricolloca in UE 10mila clandestini sui 120mila sbarcati

Condividi!

Lamorgese celebra il ricollocamento di 10mila clandestini sbarcati in Italia in Francia e Germania. Dall’1 gennaio 2021 ad oggi ne sono sbarcati in Italia più di 120mila. Un successo. Ed è tutto da vedere che se li prenderanno sul serio.

E, comunque, in questo modo non fai altro che richiamare altri clandestini: non vanno ricollocati, vanno rimpatriati.




5 pensieri su “Lamorgese esulta: ricolloca in UE 10mila clandestini sui 120mila sbarcati”

  1. La ue ha Capito che col nuovo governo negri ed ong la pigliano al culo, al coglione di destra che farà il ministro degli interni basta fare 3 cose per togliersi dai coglioni negri, beduini, ong e magistrati di merda
    1) fare la lista dei paesi sicuri se vieni da li non sbarchi
    2) impedire lo sbarco a chi e’ senza passaporto come si fa nei paesi civili, non in una italia di merda
    3) fare una interpretazione autentica di chi e’ un naufrago, ricordo ai coglioni del governo che nessuna legge di diritto internazionale offre garanzie a delinquenti clandestini ed abusivi, se qualche paese dovesse protestare gli si sequestra un aereo di bandiera lo si riempie di scimmie e gli si spedisce all’ idiota felice la merda negri

    Ecco votate per me!

      1. Se sei naufrago no ed e’ con sta tiriera che rompono i coglioni poi abbiamo dei mongoloidi a governarci alla bibitaro draghimangiamerda cazzarella figliodiunuomodonore e ce lo mettono sempre nel didietro

        1. beh, diciamo così:

          1. se stai viaggiando in modo regolare su una nave con destinazione Italia, allora avrai sia il passaporto che il visto. Se la nave naufraga, continuerai ad averli tutti e due e sarai effettivamente un naufrago.

          2. se sei un clandestino, che tu abbia il passaporto senza visto o non abbia nulla, cambia ben poco e devi essere respinto – senza se e senza ma – per aver tentato di entrare illegalmente in Italia.

          E in un altro articolo, Vox faceva notare che i clandestini, per loro stessa ammissione, buttano a mare documenti e carte di credito poco prima di sbarcare.

          Poveri profughi con carte di credito e smartphone extra lusso, qualcuno con catenacci d’oro, tutti più o meno ben vestiti, ben rasati e capelli ben tagliati?

          Ma per favore… Ma chi volete prendere per il culo!

Lascia un commento