Branco tunisini assalta Pantelleria: arrivano in kayak 🙄

Condividi!

Pensate, questi mangiadatteri arrivano in kayak, e noi non siamo neanche capaci di riportarli indietro. No, da Pantelleria vengono trasferiti in nave in Sicilia e poi caricati su navi verso nord. Poi diteci che Lamorgese non è complice delle mafie, visto che le rifornisce di spacciatori e delinquenti. Diteci che prenderà ancora lo stipendio da prefetto e la pensione, invece di marcire in galera.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sono arrivati a Pantelleria in kayak. Si tratta di tredici cittadini tunisini che a barconi, pescherecci, gommoni o imbarcazioni da diporto, hanno preferito un semplice kayak per raggiungere l’Italia e coronare il loro sogno di spacciare e stuprare donne bianche.

I tredici sono stati intercettati da una motovedetta della Guardia costiera che dopo averli fermati li ha condotti come accade in questi casi all’interno dell’ex caserma Barone. Mica li respingono. Due le ipotesi: la prima che possano realmente essere partiti dalle coste tunisine a bordo dei kayak, l’altra che possano essere partiti a bordo di una “imbarcazione madre” e poi una volta constatata la vicinanza con l’isola di Pantelleria, hanno utilizzato le canoe per raggiungerla. Uno stratagemma che ancora una volta non ha funzionato.

Non è il primo caso di arrivi in kayak a Pantelleria. Giusto un anno due tunisini furono rintracciati a largo delle coste a bordo di un kayak.

Una volta a Trapani furono identificati dagli agenti della Squadra Mobile e dai colleghi della Polizia scientifica e dell’Ufficio Immigrazione, dopo una serie di accertamenti, nonostante in precedenti occasioni avessero fornito diversi alias. A loro carico, una serie di divieti di reingresso sul territorio nazionale, emessi da altre questure italiane. Così per i due intraprendenti clandestini, entrambi con numerosi precedenti penali e di polizia, scattarono le manette.

Al momento all’ex caserma barone sono presenti 102 migranti, di cui 13 arrivati con kayak e poi ci sono anche 4 migranti positivi al Covid. In serata è prevista la partenza per Trapani di 50 clandestini con la nave di linea. Mentre per domenica probabile nuovo trasferimento da Lampedusa verso Mazara.




Lascia un commento