Nigeriani marciano su Civitanova Marche e chiedono ai bianchi di inginocchiarsi

Condividi!

Nigeriani e accoglioni di sinistra si preparano a marciare su Civitanova Marche. La città sarà messa a ferro e fuoco, già si leggono minacce sul web.

In questo contesto arriva il delirante comunicato di queste associazioni:

VERIFICA LA NOTIZIA

“L’ambulante, il nigeriano, il clandestino: sono questi alcuni dei termini con cui Alika Ogorchukwu, l’uomo ucciso in strada a Civitanova Marche, è stato definito dai media italiani, senza preoccuparsi nemmeno di fornire un nome e un’identità. Questo è il linguaggio mediatico, imbevuto di immaginari coloniali e razzisti, con cui si definisce il corpo nero, menzionato solo in relazione a sbarchi o crimini e i cui tratti individuali vengono cancellati. Gli incessanti toni allarmistici e ansiogeni di questa narrazione contribuiscono alla costruzione di stereotipi che influenzano l’immaginario collettivo, le cui conseguenze implicano per le persone Nere e razzializzate situazioni di terrore, violenza e morte”. Inizia così l’appello lanciato dalle associazioni in occasione della manifestazione per chiedere giustizia sulla morte di Ogorchukwu, che si svolgerà sabato prossimo a Civitanova Marche. A organizzare il corteo, che partirà dallo stadio comunale sul lungomare Sergio Piermanni, è la comunità nigeriana, insieme ai familiari della vittima e a un cartello di associazioni. “La vicenda di Alika Ogorchukwu mette in luce un ulteriore tema: quello della disabilità. Ogorchukwu è stato una vittima anche dell’abilismo sistemico, a causa del quale in Italia solo 3 persone disabili su 10 riescono a trovare un impiego” continua la nota.

Civitanova: africani bloccano le auto guidati dalla moglie del nigeriano – VIDEO

Alla luce di tutto ciò, le associazioni chiedono: il riconoscimento della matrice razziale per l’omicidio (si costituiranno parte civile come persone razzializzate); la presa a carico delle istituzioni e della politica delle responsabilità dirette e indirette; che il mondo dell’informazione italiana inizi ad adeguarsi a una comunicazione corretta e a validare le vite Nere partendo dal rispetto di nomi e cognomi di origine non occidentale; la rimozione del video dell’omicidio, che alimenta da un lato la pornografia del dolore e dall’altro il trauma della comunità nera italiana. Inoltre si chiede ai movimenti femministi e queer di persone bianche di denunciare l’utilizzo strumentale dei nostri corpi e la violenza maschile che viene riprodotta nei confronti di maschilità subalterne e razzializzate e il riconoscimento della violenza maschile all’interno delle minoranze (Saman Abbas, Agitu Ideo Gudeta). Infine la richiesta alle istituzioni è di tutelare economicamente la moglie di Ogorchukwu e la cittadinanza il figlio.

In pratica chiedono una sottomissione. Vanno rimandati in Nigeria, con la moglie e il figlio del clandestino. Perché sono un branco di criminali:

Civitanova, cosa ci fanno i nigeriani in Italia? Commettono 14mila crimini l’anno

Chi ha scritto questo comunicato dovrebbe essere aiutato. Leggono quello che scrivono nel mondo anglosassone e poi replicano il tutto in Italia. Anche se siamo in un contesto completamente diverso.

Civitanova, attivista di sinistra si inginocchia davanti ai nigeriani – FOTO




12 pensieri su “Nigeriani marciano su Civitanova Marche e chiedono ai bianchi di inginocchiarsi”

  1. Leggevo meglio l’articolo di oggi : notavo l’espressione razializzati, non so se esista davvero, o sia il solito neologismo buonista. Loro razializzati, noi RAZZIATI di ogni cosa : identità culturale, cristiana, economica, sociale agricola, industriale, grammaticale, territoriale, fiscale, politica e chi ne ha più ne metta.

Lascia un commento