Nave Diciotti al servizio degli scafisti: ci porta 600 immigrati al giorno, fa la spola con l’Africa

Vox
Condividi!

E’ l’ennesimo viaggio che registriamo quello di oggi. I clandestini fanno scalo a Lampedusa e poi la Diciotti ce li porta a casa. La nave discoteca degli invasori.

Da ormai diverse settimane, le coste italiane sopportano una pressione enorme a causa dell’elevato flusso di migranti che preme contro i confini delle nostre acque territoriali.

Vox

Negli ultimi giorni si stanno abbattendo tutti i record finora registrati e nonostante l’impiego di traghetti e navi militari, risulta impossibile liberare l’hotspot perché il flusso in ingresso è costantemente maggiore rispetto a quello in uscita.

Il risultato è che nella struttura di Lampedusa, a fronte di 350 posti disponibili, continuano a essere presenti quasi 1700 migranti. Durante la notte le condizioni del mare non hanno permesso lo sbarco di ulteriori persone e ora è corsa contro il tempo per liberare l’hotspot: oggi altri 600 partiranno con la nave Diciotti.

Un governo nazionalista dovrebbe affondare la Diciotti come monito per il futuro: non si deve più ripetere che una nave militare serva da taxi degli scafisti. E’ VERGOGNOSO. Paghiamo marinai per fare da scafisti di stato ai clandestini, invece di proteggere le frontiere.




2 pensieri su “Nave Diciotti al servizio degli scafisti: ci porta 600 immigrati al giorno, fa la spola con l’Africa”

  1. Io credo che l’equipaggio di quest anave sia fatta da gente che ha solo il corpo ma non l’anima.
    Non si può esser fatti di solo stomaco.
    Difficile che non si rendano conto che stanno riempiendo la loro terra e collocando accanto ai loro discendenti gente che ci odia a morte e che non vedrebbe l’ora di scannarci.

    Oltre centomila immigrati al mese che raddoppieranno tramite gli stramaledettissimi ricongiungimenti famigliari.
    I criminali che governano hanno solo in mente una guerra civile.

  2. Questa nave, ed il suo equipaggio, ha già legato da tempo il proprio nome all’infamia.
    Resta valida la mia proposta che un futuro governo nazionalista dia l’esempio demolendo la nave e cancellando, per sempre, il nome dai registri navali.

I commenti sono chiusi.