AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Tredicenne accerchiata e violentata da africani: denunciati a piede libero tornano in centro accoglienza

Vox
Condividi!

Ancora su questa notizia:

Minori africani ospiti centro accoglienza stuprano bambine a Genova

Vox

Un’italiana di 13 anni è stata aggredita, sbattuta contro un muro e costretta a baciare il suo aggressore, un ragazzo egiziano di 17 anni. A Genova un episodio di violenza minorile ai Bagni San Nazaro, uno dei tanti stabilimenti balneari di Corso Italia.

Donna incinta con il burqa bloccata mentre sale sul treno e spinta sotto al convoglio: «Qui non ci puoi stare». Individuato un 35enne italiano

VERIFICA LA NOTIZIA

La giovane è riuscita a divincolarsi dal 17enne, che avrebbe accerchiato la tredicenne insieme a un gruppo di altri ragazzi. Le sua urla, infatti, hanno richiamato l’attenzione delle persone presenti e alcuni bagnanti sono intervenuti insieme a un educatore che aveva accompagnato il gruppo di giovanissimi, tra cui la vittima, nello stabilimento di Genova, riuscendo a bloccare l’aggressore che stava cercando di fuggire.

A chiamare il 112 per chiedere l’intervento dei carabinieri, è stato lo stesso educatore, minacciato dal branco di diciassettenni, per proteggere loro stessi ed il loro coetaneo; giunti sul posto, i militari hanno fermato il 17enne e lo hanno portato in caserma, denunciato a piede libero. Per la ragazza, tanta paura ma nessun trauma fisico.




Un pensiero su “Tredicenne accerchiata e violentata da africani: denunciati a piede libero tornano in centro accoglienza”

I commenti sono chiusi.