Zelensky rimuove capo sicurezza e procuratore generale: la guerra è perduta

Vox
Condividi!

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy, nel pieno della catastrofe, ha licenziato oggi due figure chiave nei suoi servizi di sicurezza.

Con un decreto ha destituito il capo dei servizi segreti della Sbu, Ivan Bakanov. Secondo i decreti pubblicati dalla presidenza di Kiev, anche la procuratrice generale Iryna Venediktova è stata destituita.

Vox

Oleksij Simonenko prenderà il suo posto. Le ragioni non sono state fornite nei documenti. Inizialmente non è stato nominato un successore per la carica di capo dei servizi segreti. Bakanov (47) è un caro compagno di Zelenskyj dai suoi giorni come comico televisivo, è a capo dei servizi segreti dal 2019.

C’era un comico capo dei servizi segreti. Non sorprendono i deliranti bollettini della ‘vittoria’ che diffondeva.




2 pensieri su “Zelensky rimuove capo sicurezza e procuratore generale: la guerra è perduta”

  1. mi sono andato a vedere le facce

    ad un certo punto ho inserito in google
    Iryna Venediktova
    poi sono andato su immagini
    ed ho visto la faccia di questa donna

    i suoi occhi sputano stupidita, acredine, malanimo e livore

    sappiamo bene dove trovare queste facce, anche in Italia
    non lo dirò per non essere ridondante
    stara a voi indovinarlo

I commenti sono chiusi.