🚨BRANCO IMMIGRATI LA CATTURA PER STRADA E LA STUPRA A MILANO

Condividi!

Mentre Sala ciancia di gay e ius scholae, la sua città è una giungla, dove branchi di africani vanno a caccia di prede.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’hanno afferrata e trascinata dietro a un’aiuola. E lì l’hanno stuprata. È successo nella notte tra sabato e domenica, attorno alle 2.50, in piazza Napoli, a Milano. A interrompere la violenza sono stati i carabinieri del radiomobile e della compagnia di Porta Magenta, avvisati da alcuni passanti. La vittima è una donna di 41 anni, trasportata all’ospedale Policlinico.

I militari hanno arrestato un 42enne della Nuova Guinea, regolare e incensurato, che stava abusando della donna, e un complice egiziano, di 22 anni, fermato a poca distanza. Entrambi devono rispondere dell’accusa di violenza sessuale di gruppo. Sul posto anche gli specialisti della Sezione investigazioni scientifiche per i rilievi.

Le indagini proseguono per individuare anche un terzo partecipante alla violenza che è riuscito a fuggire prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. Nelle prossime ore la vittima sarà sentita dagli investigatori per raccogliere eventuali particolari utili a ricostruire l’episodio.




5 pensieri su “🚨BRANCO IMMIGRATI LA CATTURA PER STRADA E LA STUPRA A MILANO”

  1. Violenza improvvisa ineluttabile gratuita.

    ://www.libraccio.it/libro/9788898809295/adriano-scianca/identita-sacra-dei-popoli-e-luoghi-al-tempo-della-grande-sostituzione.html

    Una civiltà muore quando si rompe qualcosa nell’asse verticale che connette sacralmente una terra, un popolo e le sue divinità. Oggi, il pericolo maggiore per la civiltà europea è rappresentato dalla Grande Sostituzione delle sue popolazioni, organizzata dalle élites economiche di destra congiuntamente con le caste culturali di sinistra. Si tratta dell’idea che le nostre terre possano essere ripopolate da masse allogene venute da chissà dove. È lo sganciamento definitivo di senso tra le comunità e i loro luoghi. La tesi di questo libro è che esista un qualcosa, che qui viene chiamato “Nesso di Civiltà”, grazie al quale ogni popolo è assegnato a un luogo e per il quale una forza spirituale tutela questo radicamento. Nesso di Civiltà contro Grande Sostituzione: è qui che si combatte la nostra battaglia per l’essenziale. Perché la rivolta contro l’invasione migratoria non è una questione che ha a che fare con l’ordine pubblico, con polemiche bigotte o col battibecco economicistico: è qualcosa per cui ne va dell’esistenza stessa dell’Europa e degli Europei.

    La rottura del Nesso di Civiltà genera gli apolidi.
    Molti dei quali sono privi di freni inibitorii.
    Genera i Tiberio Giulio Alessandro.
    Genera gli Hitler.
    Genera i Soros.
    Genera i Kabobo.

I commenti sono chiusi.