Scende dall’auto e l’africano la vuole stuprare

Condividi!

Ha tentato di violentare e palpeggiato una ragazza di 20 anni in piazza Duca d’Aosta, davanti alla stazione Centrale di Milano. Ormai zona vietata per donne sole.

Per questo, ieri mattina, gli agenti della volante della Questura di Milano hanno arrestato con l’accusa di violenza sessuale un senegalese di 55 anni.

Le molestie subito dopo che la ragazza era scesa dall’auto a con la quale era giunta con un’amica.

Violenza sessuale in piazza Duca d’Aosta: arrestato 55enne




4 pensieri su “Scende dall’auto e l’africano la vuole stuprare”

  1. La presenza di tutti questi maschi ne(g)ri, che per principio TUTTI noi maschi di qua dovremmo avversare in tutti i modi, è una cosa troppo pericolosa.

    Ci sono due categorie: i soliti ne(g)ri libidinosi stupratori, e quelli che fanno ratto sessuale delle nostre donne, da cui purtroppo la ottengono. Fatto quest’ultimo, ahimè sottovalutato da tutti, e che non incontra l’ostilità e il fastidio di nessuno. Perché purtroppo qui in Occidente, i maschi autoctoni lo sono soltanto sul piano anatomico, ma non più mentale e spirituale.

    Perché se il maschio di razza bianca fosse valoroso e con dignità come quello di una volta, la puttana bianca che va a contatto anche con uno solo di loro, o che semplicemente gli dà confidenza, subirebbe le giuste conseguenze, ovvero, emarginazione e amputazione del clitoride come castigo. Se fossimo come i nostri antenati, che erano saggi e moralmente integri, consapevoli della loro natura selvaggia, i ne(g)ri verrebbero messi con due piedi in una scarpa, e non oserebbero nemmeno sfiorarla con la coda dell’occhio ad una donna bianca. E invece no, vigono la tolleranza e il permissivismo più assoluti. Che poi se ci facciamo caso, perché i ne(g)ri stuprano? Perché sono convinti che tutte le bianche gliela danno, e per il discorso di cui sopra, ovvero il permissivismo del maschio bianco.

    Purtroppo siamo fottuti. Abbiamo una gioventù bianca psicologicamente rovinata, che si mette a guardare quella roba abominevole e schifosa, che è la pornografia interrazziale. Si eccitano a guardare un ne(g)ro e una bianca che fanno porcate, non capendo che vengono umiliati. D’altronde, è evidente il fine propagandistico contro il maschio bianco del porno interrazziale, solo che essendo la maggioranza formata da stolti, affetta da autolesionismo e da immoralità, la cosa non viene vista. È veramente pericoloso tutto ciò, perché accettano il fatto che i ne(g)ri contaminano le bianche. E loro, i diretti interessati, lo sanno di essere degli schifosi e che contaminano.

    1. ://youtu.be/DvCNWgotkPg?list=PLjS69dH2o1Pmv4tclxiqNvkaV91QxSP35

      Herbert George Wells neanche nei suoi peggiori incubi si sarebbe immaginato, nonostante la sua fervida e geniale fantasia, questa mostruosità.

      La Norvegia, nonostante non sia nell’Impero europeo, si sta africanizzando.
      ://youtu.be/id3YgQfBpTE?list=PLjS69dH2o1Pmv4tclxiqNvkaV91QxSP35
      (Da 2:29)

I commenti sono chiusi.