“Sei femmina, non puoi uscire di casa”: famiglia immigrati segrega ragazza

Condividi!

Qui il dramma è che questi si riproducono come conigli. Immaginate con lo ius scholae. Perché se un immigrato viene a lavorare qualche anno deve portarsi dietro mogli e cucciolata? Perché glieli manteniamo noi. Vanno abrogati i ricongiungimenti familiari.

Le impedivano di avere amicizie e relazioni sentimentali, le vietavano i social e tenevano costantemente sotto controllo il suo telefono. In alcuni casi, non esitavano a picchiarla. Per questo, un uomo e i suoi tre figli, di nazionalità albanese, sono stati arrestati per le violenze perpetrate alla figlia più giovane, una 18enne. È accaduto in provincia di Modena.

Ragazza picchiata dalla famiglia albanese per impedirle di avere relazioni, arrestati il padre e tre fratelli

Gli insulti erano all’ordine del giorno e, in qualche occasione, si arrivava anche alle botte e alle minacce di morte. I quattro sono stati arrestati ieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia in carcere emessa dal Gip su richiesta della Procura di Modena. Lo riferisce una nota del procuratore di Modena, Luca Masini. Tre sono stati arrestati a Castelnuovo Rangone mentre il quarto, inizialmente sottrattosi alla cattura, è stato rintracciato nella serata di ieri a Carpi. Tutti gli indagati rispondono di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate in concorso.

La giovane ha denunciato di aver subito continue violenze e minacce da parte del padre e dei fratelli. Si tratta di una famiglia di origine albanese e la ragazza, in carico al Servizio sociale Terre di Castelli, ha 18 anni. Dalle indagini dei carabinieri è emerso che la maltrattavano verosimilmente perché non accettavano la sua integrazione in Italia. Sono difesi dall’avvocato Enrico Fontana.

Come possono tenere insieme una società dove Mohammed segrega la figlia e la ex di B. si ‘sposa’ con la cantante fallita? Non si tiene.




2 pensieri su ““Sei femmina, non puoi uscire di casa”: famiglia immigrati segrega ragazza”

  1. Ma non si sono sposate… sono marito e moglie o moglie e moglie ma solo per finta, per davvero c’ è solo da portarle in manicomio

  2. Loro possono permettersi di porre limiti e divieti alle loro figlie, invece i padri di razza bianca e religione cristiana non possono. Altrimenti sono tiranni secondo l’odierna vulgata liberalprogressista. Che invece li vuole inconsistenti, insignificanti e progressisti.

    Che era bello il mondo fino a cinquant’anni fa, quando uno conosceva una fanciulla ed era automatico che prima di conoscere lui non era stata assieme a nessun altro uomo. E sposarla era un piacere immenso. Perché fino ad allora esistevano i padri come si deve, che tenevano all’onore delle proprie figlie, che godevano della collaborazione della madre, la quale impartiva una rigida educazione, soprattutto in materia di morale sessuale. Non come oggi, che abbiamo i genitori che acquistano i preservativi alle proprie figlie adolescenti, in quanto per essi il problema non è la promiscuità, bensì che possano essere ingravidate. Da decenni abbiamo madri che rifacendosi per i limiti e i divieti imposti loro dai genitori, concedono libertà illimitate alle proprie figlie, e le stimolano anche a puttaneggiare. Non gli interessa che diventino delle oneste mogli e madri di famiglia, che vadano a fare le modelle, le soubrette televisive, ecc.

    Che schifo amici miei. In che razza di degrado morale e culturale siamo precipitati noi come Occidente. Secondo me non ha eguali nella sua storia.

I commenti sono chiusi.